In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

Perché investire nel social media marketing?

Quando parliamo di investire nel social media marketing intendiamo investire in una parte del mercato che usa il social network per comunicare. In linea teorico/generale si usa il passaparola un po' forzato e si "gioca" sul concetto che chi mette un apprezzamento o il "mi piace" lo segnala anche ai suoi amici o amici di amici. Vista in questo modo la tecnica dell'investire nel social media marketing è giusta, e diventa palese il motivo che spinge molte aziende ad investire ma, vista in modo più obiettivo e integrando la strategia all'insieme, notiamo una serie di limiti non indifferenti che spesso portano ad avere "traffico social", mi piace, apprezzamenti e niente di più.

Se da una parte dobbiamo capire perché investire nel social media marketing, quindi seguire una tendenza che arriva in modo diretto al cliente finale, all'amico dell'amico, dall'altra dobbiamo capire come investire nel social media marketing altrimenti si rischia di "sparare a zero", senza senso e avere un feedback che non riusciamo ad analizzare né a monetizzare.

Coordinare gli investimenti

Per monetizzare al massimo gli investimenti, specialmente nel contesto social media marketing associato ad un sito web, dobbiamo essere in grado di coordinarli bene, innanzitutto perché non c'è solo il social media marketing che ci può portare nuovi clienti, ma, in parallelo, perché se l'atterraggio o se il fulcro del nostro business, cioè il sito web, non è in linea con quanto proposto, non riusciamo a concretizzare niente.

Offerte che destabilizzao e creano dubbi...

Gli esempi per capire questo concetto sono molti, pensiamo ad un'offerta per un pacchetto di volantini, stampe, o biglietti da visita: troviamo interessante l'offerta e vogliamo capire in primis come acquistarla e poi vogliamo indagare un po' sul prezzo. Se ci pensiamo bene questo percorso vale per ogni proposta commerciale che arriva dal web o dai social, eccezion fatta per i grandi brand nazionali. Chi mi fa l'offerta? Chi è a "parlare"?

Ecco lo step successivo, cerchiamo nel web se l'offerta è fine a se stessa e cerchiamo informazioni o se altri clienti hanno aderito e hanno acquistato (capita mai di navigare su ebay e leggere i feedback prima di acquistare?). In linea generale cerchiamo di capire se c'è qualcosa che non va, se il lavoro è di qualità o se c'è qualche inghippo, tipo non consegna, lavora male, non è di parola ecc.

Se l'offerta non porta a qualcosa di ufficiale dell'azienda già fa strano. Se c'è un sito si inizia a guardarlo con una soglia di criticità maggiore del solito ma non tanto per trovare l'inghippo, piuttosto perché se si fiuta l'affare si è anche ben predisposti a portarlo a casa (mai sentito parlare dell'acquisto di impulso?).

Impariamo ad evidenziare chi siamo e cosa facciamo

Se il nostro investire nei social media marketing propone anche tutta questa serie di step curati, quindi se coordina il punto di partenza cioè il sito e porta a ramificare le varie strategie esterne, il cliente trova informazioni ma soprattutto coerenza e chiarezza, e si sente tutelato nell'acquisto. Se offriamo i metodi più consociuti di pagamento il cliente si sente tutelato, pay pal ne è un esempio, ma se trova mancanze rende vano ogni investimento che abbiamo fatto. Attenzione, siamo tutti così.

Quando parliamo di coordinare gli investimenti, quando ci chiediamo perché investire nel social media marketing dobbiamo avere consulenza o per lo meno le idee chiare nell'insieme e avere tutto sotto controllo e questo significa, in altri termini, avere nel sito la stessa offerta che promuoviamo, avere chiare le spese di spedizione e i tempo di consegna, aver chiaro cosa promuoviamo e come.

Se scriviamo queste pagine cercando di sottolineare l'importanza del coordinare gli investimenti web e in particolare nel social media marketing, è perché troppo spesso non succede e si trova su facebook un'offerta, su ebay un'altra e sul sito principale dell'azienda un'altra ancora, descrizioni non chiare e non coerenti e ci si chiede perché il mezzo non funziona.

Ma, da clienti, se vediamo un'inserzione in ebay, diversa dal sito e diversa ancora da facebook, tutte equamente pubblicizzate, non ci chiediamo cosa sta succedendo? Veramente comeriamo con serenità da questa azienda o cerchiamo altrove?

Punto di partenza del social media marketing, essere chiari

Il discorso chiarezza, se vogliamo vederlo un po' a lungo termine è legato anche alla stesura curata di testi e di pagine del sito perché se pensiamo ad un'agenzia viaggi che si propone di portarci in giro per il mondo, lasciamo stare il prezzo per il momento nel nostro ragionamento, e ci troviamo con poche descrizioni o con programmi sommari, ci interessa veramente capirne di costi e di come andare in vacanza? Facciamo un esempio concreto, viaggio in offerta a New york, partenza da venezia, scalo in Portogallo e arrivo negli States in 16 ore (stiamo mettendo dati fittizi per far capire il concetto). Tour delle maggiori città, buoni alberghi e ottimi pranzetti tipici del posto. Costo euro tot...

Dove vogliamo andare così? Eppure ci sono realtà che parlano di eleganza e qualità nel servizio con il sito web fatto in linea con quanto descritto sopra.

Tutto porta all'azienda: social media e cross marketing

Il fulcro di ogni strategia, web, web marketing, social media marketing, mail marketing o generica, dovrebbe essere la nostra azienda e tutto dovrebbe fare perno su queso concetto: concetto appunto di cross marketing.

Se il sito vive un contesto a se stante, se il nostro investire nel social media marketing non è coordinato, o se le varie offerte hanno un contesto fine a se stesso, come possiamo pensare di trovare beneficio in quel che facciamo?

Cosa pensa la gente di noi?

Non abbiamo analizzato un altro fattore importante, cosa pensa la gente di noi e quindi come potrebbe essere la nostra web reputation? Se un cliente che arriva forzatamente tramite facebook o altre social media nelle nostre inserzioni e trova disordine, come potrebbe esprimersi sulla nostra reputazione? Che affidabilità può avere un'azienda che non cura il dettaglio della propria comunicazione? Se pensiamo che già chi lavora bene e con coordianzione ha a volte problematiche legate all'insoddisfazione del cliente, come potrebbe essere il nostro contesto se disorganizzato?

La cosa peggiore, poi, che ci può succedere è quella di vendere nonostante tutto e di non capire che questa disorganizzazione nel tempo è la causa della fine perché basta un cliente insoddisfatto o una serie di casuali incomprensioni per convertire tutto il traffico in malumore e disappunto. È molto sottile il confine che ci permette di vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto e questo nel business è un errore che no ci dovremmo permettere di fare.

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 12/01/2014 11:12:59
L'ultimo aggiornamento: 28/01/2014 10:11:37
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

Scopri il servizio amdweb per essere on line con la tua azienda...
leggi..
30/08/2012
Come può chi non conosce l'azienda, capire cosa offre senza una comunicazione adeguata?
leggi..
14/04/2018
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology