In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

Basi di un sito

Come fa chi vuole fare un sito aziendale a capire cosa deve fare e che priorità dare per un progetto commerciale che sia un investimento e non una spesa fine a se stessa? Quali sono le basi di un sito e gli step che lo possano differenziare dalla concorrenza?

Abbiamo appurato, da molti confronti, quante siano le difficoltà per chi ha poca esperieza nell' avvicinarsi al web e abbiamo visto, in molti preventivi, che troppe volte si gioca su doppi sensi o su termini complessi e facili da interpretare per fingersi professionisti e per abbindolare chi non ne sa tanto. Il nostro spunto, quindi, speriamo possa essere di supporto per chi si vuole avvicinare al web e vuole capire quali sono le basi di un sito.

amdweb nella sua esperienza, individua 4 fasi che non possono mancare:

  • Prima fase: il progetto
  • Seconda fase: la scelta tecnica
  • Terza fase: la realizzazione dei contenuti
  • Quarta fase: il post messa in rete

Per capire quali sono le basi di un sito, iniziamo da un concetto un po' scomodo: un sito che vuole essere funzionale per un'azienda e che vuole dare visibilità è sempre in essere, non è mai finito, un po' come un negozio che necessita di pulizie, di nuovi prodotti, di vetrine accattivanti, nuove esposizioni; per questo un'azienda ideale per fare un sito, è un'azienda che permette di vederci chiaro nel progetto in tutte le sue fasi, non solo in quella esecutiva.

basi di un sito, cosa serve per un sito performante?


Prima fase della realizzazione del sito: un'accurata ideazione

L'ideazione permette di capire cosa vogliamo dal sito, cosa ci aspettiamo e cosa possiamo fare con il sito. In questa parte iniziale, solo progettuale, si cerca di capire la massima utilità del web per l'azienda, utilità che non sempre è associata alla visibilità, ma può essere associata al dare servizi post vendita o al fare semplici analisi di mercato.

L'ideazione non è molto tenuta in considerazione come step di base per un sito, perché appunto è concettuale e richiede capacità organizzative e capacità tecniche non indifferenti, tanto che si preferisce saltare e si preferisce assecondare il cliente e le sue semplici richieste senza troppi approfondimenti. Chi arriva da esperienze negative, pretende invece questo step, pretende di vederci chiaro perché si rende conto, o meglio l'ha fatto a proprie spese, che un sito senza un progetto non ha molte chances di vita. Del resto, se ci pensiamo, se troviamo semplici esecutori che non sanno personalizzare tecnicamente un progetto, devono limitare la visione d'insieme a quello che possono offrire, non al meglio per l'azienda. Il lavoro del sito è complementare all'azienda, per questo se vogliamo che il coordinamento funzioni, dobbiamo avere la massima integrazione e dobbiamo avere nel sito uno strumento di lavoro, non delle semplici pagine on line.

Obiettivo dell'ideazione del sito: una chiara visione d'insieme, in prospettiva, sia nel breve che nel medio lungo termine.

Seconda fase: la scelta tecnica

Di solito non si nomina, per la scelta tecnica ci si affida alla web agency senza fare troppe domande ma se vogliamo approfondire le basi di un sito, dobbiamo capire bene gli step che ne caratterizzano la realizzazione e la parte tecnica è un aspetto da capire e affrontare bene.

  • ci sono soluzioni gratuite
  • ci sono soluzioni in licenza d'uso
  • ci sono soluzioni personalizzate

Cosa fa al caso nostro? Cosa è meglio per noi? Cerchiamo di capire le proposte per scegliere il meglio e per non trovarci con lavori limitati nel tempo. Noi non consigliamo mai soluzioni gratuite perché, nel tempo, costano più delle personalizzate soprattutto se abbiamo poca esperieza e poca dimestichezza. Cerchiamo di capire cosa ci viene proposto, cerchiamo di capire per cosa pagniamo facendo attenzione che la parte tecnica è un passagio che esula dalla stesura testi o dalle strategie.

Fase molto strategica

Questa fase per ci sta cercando di approfondire le basi di un sito è una fase molto strategica perché permette di capire che tipo di web agency si ha davanti. Non serve essere esperti per analizzare le 4 fasi di cui parliamo, non serve essere professionisti per fare una chiara panoramica, anzi, meno ne sappiamo, più è facile renderci conto del modo di fare che ha il nostro interlocutore. Siamo un una fase concettuale dove si analizza ad ampio spettro lo scenario web per questo pretendiamo di capire bene la proposta. Chi propone cms gratuiti, in genere, non lo fa come scelta ponderata per le nostre esigenze, ma come unica alternativa perché non hanno personale capace nella programmazione quindi non è una scelta vera e propria. Riflettiamoci!

yost.technology, la proposta amdweb

amdweb propone yost.technology per proporre un lavoro in licenza, con costi contenuti nello start up ma con la possibilità di personalizzare ogni passaggio nel tempo, cosa molto complessa nella gestione open source. yost.technology è un prodotto costruito e gestito dallo staff, c'è quindi controllo tecnico tanto che viene fornito senza accessi ftp e con assistenza tecnica sempre compresa nel prezzo.

Caratteristiche di base di una parte tecnica

Una parte tecnica deve essere

  • veloce
  • facile da aggiornare
  • sicura
  • personalizzabile nel tempo
  • ottimizzata per i motori di ricerca (aspetti SEO)
  • strumento di lavoro (dobbiamo poter modificare il sito anche da soli e in pochi click)

Non importa se tanti usano il cms gratuito, non è detto sia ideale per un progetto aziendale; non importa che è predisposto per fare tutto, il sito aziendale ha delle esigenze specifiche, per questo si fa un progetto; non importa che è gratis, nella vita nulla è veramente gratuito. Inutile spendere per spazi server dedicati quando non investiamo nella parte tecnica. Facciamo attenzione a cosa vogliamo, quanto spendiamo e come pensiamo di lavorare nel tempo.

Cerchiamo di capire cosa ci viene offerto nell'assistenza, cerchiamo di capire chi cura la sicurezza del sito e a che prezzo! È risaputo che il cms gratuito necessita di molti aggiornamenti e sarebbe imbarazzante pagarli per non aver chiarito prima.

Terza fase: la realizzazione pratica

La terza fase del sito è solo operativa, è la fase del fare, e permette di concretizzare quanto in teoria è stato discusso. Più il progetto è articolato più saranno dettagliati gli step esecutivi da fare e più preciso sarà il lavoro finale che ne consegue. La parte tecnica deve rispettare quanto studiato nella prima fase, tenendo conto delle esigenze del web, della velocità dell'insieme, delle specifiche esigenze che gli specifici obiettivi studiati richiedono.

Se il sito necessita di visibilità si deve scrivere il codice, rispettando le logiche della SEO, se il sito richiede interazione con il cliente si deve pensare a renderla molto intuitiva e semplice. La fase esecutiva non deve essere un settaggio di un pacchetto pre confezionato, puntualizziamo questo step sia per far chiarezza sui costi, perché un sito pre-confezionato è scaricabile gratuitamente dal web, sia perché concettualmente saremo sempre obbligati ad adattare strategie e utilizzo non tanto a quanto serve, ma piuttosto a quello che il sistema ci consente di fare e, facciamo attenzione, perché sono cose molto differenti.
Nella fase di realizzazione pratica del sito, emergono tutte le specifiche esigenze aziendali per questo, parlando delle basi di un sito, segnaliamo la fase concettuale come una delle più importanti per una realizzazione ad hoc e per rendere il sito uno strumento di lavoro.

Quarta fase del sito: il post esecuzione, il post messa in rete del sito

La quarta fase del sito è il post-messa in rete, il post-realizzazione e contempla tutte le strategie che servono per rendere il sito utile. Attenzione, sembra ovvio e banale quanto stiamo dicendo, ma credeteci, perché il 90% dei contatti che abbiamo si trova con un sito inutile: è tutto così ovvio che niente viene studiato prima.
Ovvio che il sito si vede, ovvio che il sito funziona, ovvio che i link sono corretti, ma tutto questo essere ovvio, non porta né visibilità né ad avere uno strumento di lavoro. Non prendiamo questo andazzo, sarebbe un lavoro... che non funziona!

Se parliamo di quattro step lo facciamo solo perché l'esperienza ci insegna che per aver chiare le basi di un sito serve seguire alla lettera questi step e se ci viene proposto di saltarne uno, dobbiamo essere consapevoli che non siamo nella giusta direzione. Chi fa il sito deve seguire anche il post esecuzione  e deve essere in grado di interagire strategicamente con il marketing aziendale, perché la parte tecnica deve essere eseguita su delle esigenze specifiche che devono congiungersi con le strategie aziendali: la fase tre, o fase del post esecuzione è sterile se non coordinata con l'ideazione e la stesura del codice.

Aspetti economici di base di un sito

Certo, un altro aspetto economico: se il nostro budget è di poche centinaia di euro, non pensiamo neanche a fare un sito e chi ce lo consiglia, se non analizza strategicamente l'utilità del progetto, non ci sta aiutando a fare una scelta ponderata, ma ha bisogno del poco budget che abbiamo.
Entra in ballo, quando parliamo di soldi, il nostro buon senso: con poco si ha poco, e soprattutto in un contesto strategico, non facciamoci illudere da pubblicità fuorvianti: un sito costa, soprattutto se deve essere uno strumento di lavoro. Difficile andare nel dettaglio in questo contesto e parlare di soldi in modo generale, ma se vendiamo on line, non illudiamoci di soluzioni fai da te, tutto facile, perché un e-commerce funzionale parte da almeno 5/7 mila euro; un sito visibile, ottimizzato con 15/20 pagine ben strutturate, può costare 4/6 mila euro.

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 21/02/2014 08:55:04
L'ultimo aggiornamento: 29/03/2016 11:04:35
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

Ottimizzazione siti aziendale per rendere il sito uno strumento di lavoro...
leggi..
28/09/2018
Perché il servizio amdweb con yost.technology è così innovativo?
leggi..
16/10/2018
gestione e servizi hosting
leggi..
09/12/2018
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology