In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

Newsletter un'alternativa vincente

Il dilemma di tutte le aziende, in particolare le medio piccole realtà, è di farsi conoscere e molte volte (troppe) non si tiene conto che la newsletter può essere un'alternativa vincente.

La newsletter è un rapporto diretto con il cliente che accetta attraverso un'iscrizione, cartacea i digitale di ricevere nostre informazioni/proposte, per questo è importante avere:

  • uno strumento idoneo (raccolta, controllo e gestione del dato)
  • idee innovative
  • qualcosa da dire
  • costanza nel tempo

Per considerare la newsletter un'alternativa vincente dobbiamo iniziare dal capire lo strumento e capire le sue reali potenzialità, cosa che, sempre più spesso, notiamo essere una lacuna.

Inviare la newsletter ai nostri clienti, significa mandargli un messaggio, dire qualcosa e deve avere la stessa importanza e lo stesso tono di una telefonata.

Quando pensiamo che la mail non sia invasiva e se un cliente non è interessato la cancella, facciamo un grave errore, perché anche il gesto di dover cancellare un messaggio indesiderato dal nostro pc, è una mancanza di rispetto che segna nel tempo l'azienda e la cataloga come indesiderata, invadente, fuori posto.

Se vogliamo sfruttare le reali potenzialità della newsletter e vogliamo costruire nel tempo un pacchetto clienti che porti all'azienda benefici, dobbiamo iniziare dalla scelta dei destinatari del messaggio che non possono essere né comperati, né casuali.

L'importanza della raccolta degli indirizzi mail diventa uno step fondamentale, perché se creiamo l'occasione per far iscrivere un cliente, apriamo con lui un canale diretto e abbiamo la certezza che a ricevere una nostra comunicazione sia una persona realmente interessata, che può non comperare ogni volta, ma che di certo guarda incuriosita quello che facciamo, diciamo o proponiamo.

Lo strumento per organizzare la newsletter

Lo strumento che usiamo per organizzare i nostri invii, deve avere dei requisiti minimi che da una parte tutelino il cliente, per una forma di trasparenza e per essere a norma di legge, dall'altra ci deve permettere di controllare gli invii, gli accessi, le visite e deve darci un report abbastanza sicuro di mail inviate, lette e cliccate. Dobbiamo aver chiaro sia a chi mandiamo la mail, ma anche chi la legge e con che regolarità perché solo così testiamo nel campo quanto è efficace il programma che stiamo seguendo. Se mandiamo 1000 mail e vediamo che puntualmente 300 non sono lette, dobbiamo cercare di capirne il perché, sempre a patto che siano nostri clienti e nominativi raccolti e non comperati, altrimenti abbiamo già conferme certe.

Aspetti legali dello strumento per la newsletter

Gli aspetti legali sono molto delicati perché la newsletter deve essere un servizio chiaro e fatto non solo per avere indirizzi, ma piuttosto per iniziare una comunicazione virtuale con chi visita il nostro sito, la nostra pagina social o comunque è già cliente. La trasparenza, sotto questo punto di vista, è una nostra convenienza, perché se siamo chiari, un cliente si aspetta quello che proponiamo e potrebbe dimostrare interesse, ma se facciamo i furbetti, magari con un utilizzo improprio del mezzo, rischiamo di fare investimenti che non porteranno a niente di buono.

Ancora troviamo chi compera dati, indirizzi mail o numeri di telefono

Apriamo una breve parentesi sull'acquisto di dati, cosa già trattata e detta, perché ancora una volta vogliamo ribadire quando sia uno sperpero e quanto poco renda l'investimento dell'acquisto di indirizzi mail (2% circa) perché le caselle di posta sono invase da messaggi indesiderati e da un mail marketing insensato. Del resto se adesso leggendo questo argomento vi arriva una mail per pubblicizzare un pallone da calcio, o un tipo particolare di bici, che interesse potreste avere? Certo potrebbe esserci chi guarda, o compera, ma sempre parliamo di casualità. Ben diverso sarebbe il discorso se potessimo scegliere cosa ricevere ed è questo il punto che chi fa mail marketing dovrebbe valutare.

Noi, negozio xyz offriamo questi servizi, con una mail al mese: se ti interessa clicca qui ed iscriviti.
Certo adesso l'esempio è spartano, ma il concetto deve essere chiaro: mandiamo le mail solo a chi ha manifestato l'interesse a riceverle.

Con un'iscrizione spontanea, possiamo iniziare a vedere la newsletter un'alternativa vincente, un mezzo veloce ed immediato di comunicazione, un sistema parallelo a carta stampata o altre forme pubblicitarie che arriva diritto al consumatore finale. Coordinare, poi, messaggio e strategie diventa un lavoro di organizzazione molto più semplice perché avendo un chiaro riscontro con i dati di invio, possiamo essere organizzati nelle offerte, nelle proposte e pensare a dare servizi innovativi e non disservizi (la casualità è spesso un disservizio, una campagna pubblicitaria che non calcola a quante persone si rivolge, può essere un disservizio che costa caro).

La newsletter, un'alternativa vincente

Se lo strumento è idoneo, se la newsletter che inviamo è monitorata e siamo sicuri dello strumento che utilizziamo, possiamo parlare di un'alternativa vincente, perché la newsletter ci permette

  • di avere un report chiaro di invio
  • di avere un canale diretto con il cliente
  • di essere veloci nel promuovere i nostri prodotti
  • di studiare promo e offerte veramente personalizzate

lanewsletter.net, un'idea da prendere in considerazione per il mail marketing diretto

Lanewsletter.net è un servizio amdweb studiato e concepito per chiunque voglia utilizzare il mail marketing diretto. Uno strumento versatile, personalizzabile e adatto anche ad essere gestito in autonomia dai più esperti. La forza del mezzo sono uno studio mirato sul controllo delle mail in uscita (aspetto apparentemente banale ma un buon mail marketing parte dal controllo di quante mail effettivamente mandiamo), un controllo sulle visualizzazione e la massima complementarietà con i prodotti amdweb, siti o crm; lo strumento è pensato anche per chiunque voglia integrare il sito esistente con uno strumento professionale. Grafiche personalizzate, editor di testo intuitivo e semplice, possibilità di filtrare i clienti per categorie e sistema automatizzato per ricordarci dei compleanni dei nostri clienti. Possibilità di cancellazione istantanea del cliente, quindi anche massima cura di ogni aspetto legale dello strumento. Chiedi informazioni se interessato al prodotto.

Integrare la newsletter con il nostro marketing

Un aspetto davvero strano è questo: pochi pensano di integrare la newsletter al marketing quotidiano dell'azienda. La cosa non desterebbe preoccupazione se si evidenziasse questo gap solo nelle medio piccole realtà che possono vedere il messaggio delle mail come un piccolo complemento che di solito si manda al solito cliente, ma vedere che spesso o sempre, a qualsiasi dimensione c'è disorganizzazione tra sito e strategie, pubblicità con cartellonistica e messaggi mail fa capire quanto poco la newsletter sia considerata un'alternativa vincente.

Newsletter e scorciatoie, ma non dobbiamo fraintendere

La newsletter è vista quasi sempre come una scorciatoia, un modo veloce per arrivare a nuovi clienti senza fare troppa fatica e questo è un grosso limite che diamo al sistema. È sì una scorciatoia, perché se ben gestita arriva in pochi minuti con le nostre informazioni al cliente, ma deve essere studiata e concepita come tale per evitare l'effetto contrario, cioè l'inutilità estrema.

Una mail che arriva a chi non la vuole vedere, non serve a niente!

Prendendo spunto dalle singole esperienze, prendendo spunto da aziende che vivono con il mail marketing diretto abbiamo conferma di quanto funzioni e di quanto sia efficace se fatto bene, ma come ogni cosa, se è interpretato come una comoda scorciatoia diventa un mezzo sterile ed inutile.

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 16/10/2013 12:34:42
L'ultimo aggiornamento: 19/04/2018 09:30:04
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

Scopri il servizio amdweb per essere on line con la tua azienda...
leggi..
30/08/2012
Come può chi non conosce l'azienda, capire cosa offre senza una comunicazione adeguata?
leggi..
14/04/2018
Quante volte si arriva in un sito aziendale e non si capisce tutto quello che tratta l'azienda?...
leggi..
24/08/2018
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology