In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

Quanto costa realizzare un brand?

La realizzazione di un brand è un aspetto aziendale che molto spesso si tralascia perché purtroppo implica investimenti molto onerosi. Se pensiamo a come è nato il logo della nike, ossia dopo un bando di concorso in cui molti designer presentarono i loro super studiati progetti, il titolare insoddisfatto fece una simil bozza dell'attuale logo, dicendo "vorrei una cosa così, niente di più" (non sono le parole esatte ma rendono l'idea), ci possiamo rendere conto di quanto è banale/complicato trasferire in un'immmagine quello che siamo e che facciamo.

A volte si cerca di essere particolari, si cerca l'esclusività o l'originalità ma oggi è davvero impensabile per un'azienda media investire su questi aspetti. Dobbiamo allora ripiegare su scritte un po' particolari cercando di renderle molto leggibili perché comunque se da una parte serve molto tempo per far affermare un brand, dall'altra servono anche molti investimenti mirati ed una capillare diffusione dei prodotti che lo identificano. In effetti per una PMI, un ente, un professionista fanno veramente fatica a gestire il tutto e a volte è molto più produttivo fare una scritta semplice e chiara, con uno slogan che richiami l'azienda e quello che sta facendo. 

Parlando di costi, dobbiamo subito fare una premessa. Se vogliamo un grafico che realizzi un'idea possiamo contenere i costi, se da un'idea di massima vogliamo ricavare un'immagine identificativa del concetto, dobbiamo prepararci ad investire qualche bel migliaio di euro perché l'esperienza e la capacità di usare strumenti grafici e riuscire a ideare un preciso messaggio hanno costi impegnativi. Forse ci si avvicina più ad un artista che ad un grafico.

Il brand ed il settore che trattiamo

Dobbiamo sempre considerare il settore che trattiamo perché ovviamente la nike che tratta un ambito casual sportivo, è sicuramente avantaggiata rispetto ad un'azienda metalmeccanica.

Il gioco poi è quello di fare un'associazione, brand-prodotto-azienda e nel nostro contesto è molto impegnativo. Un grafico di questo tipo è più un artista che cerca un qualcosa di astratto che più che identificare il tutto deve rimanere impresso ed il lavoro successivo è riuscire a farlo associare all'attività.

Qui ci sono molti aspetti da analizzare perché se facciamo una carrellata un po' superficiale di brand notiamo che passiamo da una mela di apple che significa tutt'altra cosa rispetto al quello che propone, alla scritta semplice di campari, passiamo dal logo nike, con tanto di marchio alla scritta di ebay, o, giusto per fare altri esempi dal logo di mercedes alla scritta di panasonic.

Questi esempi per far notare che un brand può essere interpretato in molti modi e non sempre un'immagine rappresenta un'azienda, anzi molte volte, è proprio il nome che cerchiamo di far associare al cliente così da rendere più incisivo il discorso e da imprimerlo nel migliore dei modi. In effetti, specialmente nell'ambito web, non siamo ancora pronti ed esperti per associare immagini ad aziende e lo dimostra il fatto che spesso non ci sono immagini identificative aziendali nel virtuale. Da un altro punto di vista, esperienze dirette ci stanno dimostrando che più siti della stessa azienda, identificati da una scritta/nome comune non rendono l'idea di univocità ma, anzi, sono considerati siti e situazioni distinte.

Un brand è un continuum, azienda-clienti e ha la funzione di identificare quello che siamo e facciamo ma se l'idea rimane fine a se stessa non riusciamo a farla associare. Forse più che parlare di costo per realizzare un brand sarebbe corretto parlare di costo per far conoscere un brand ma su questo aspetto dobbiamo fare ulteriori considerazioni.

Il web, ambito in cui vogliamo contestualizzare il discorso, è invaso da nuove aziende e nuove strutture molte delle quali destinate a morire in pochi mesi se non anni per cui per il visitatore è davvero complicato capire e associare nuove immagini a brand aziendali perché si tratta molte volte di step momentanei che ci tartassano un periodo e poi svaniscono. A pensarci bene quanti brand ricordiamo della nostra giova età ancora di moda?

E se ci sono ancora, pensate con che costanza alimentano il brand per essere sempre protagonisti. Brand come sinonimo di nuovi prodotti, qualità, servizio. Il punto centrale di un brand è il modo di lavorare, il modo con cui si avvicina al mercato, il modo con cui tratta i clienti, sceglie il personale. Tutto l'insieme determina la forza del brand per cui dobbiamo aver chiaro che la gestione/idealizzazione del brand è solo un punto di partenza che se non trova coerenza nell'insieme non ha senso.

 

 

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 14/12/2012 18:21:43
L'ultimo aggiornamento: 21/08/2017 13:02:32
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

Come far trovare un sito, senza capire cosa cerca un cliente?
leggi..
10/01/2014
Tecnica, realizzazione, grafica... quanto costano?
leggi..
30/08/2016
Con amdweb serve qualche ora per la parte tecnica, gli aspetti strategici invece...
leggi..
21/02/2017
yost.technology la piattaforma rivoluzionaria per realizzare e gestire un sito
leggi..
12/06/2017
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology