come pubblicizzo il mio sito? | Quali fattori devo mettere in evidenza del mio sito?
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.

Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni

Cliccando su “Ok, ho capito” acconsenti all’uso dei cookie [OK, ho capito]

Benvenuto login
ADV>

Come pubblicizzo il mio sito? | Come pubblicizzare un sito?

Uno degli aspetti più delicati dell'avere un sito web è riuscire a fare una costante campagna pubblicitaria, avere un costante afflusso di visitatori ed essere sempre aggiornati su prodotti e proposte.

Ecco alcuni spunti che consideriamo di vitale importanza per rispondere concretamente alla domanda

come pubblicizzo il mio sito? | Come pubblicizzare un sito?

Considerazioni di base

Dobbiamo fare alcune premesse doverose per aiutarci a contestualizzare il tutto. Un sito web non ha regole generiche valide, e certe soluzioni vincenti in alcuni contesti possono essere devastanti in altri. Dobbiamo avere di fondo un prodotto curato e strutturato e la sua gestione deve essere sempre snella.

Si parte sempre da un progetto perché parlare di pubblicità senza un contesto è complicato, quindi

  • Obiettivi
  • Finalità
  • Tempi
  • Disponibilità sia di personale che economica

Il progetto iniziale deve crare per l'azienda un chiaro binario di lavoro che permetta a chi spende prima di tutto di capire come sta spendendo e, non da meno, di capire come approciarsi al web e come pubblicizzare il proprio sito.

Aspetti tecnico strategici di un sito | amdweb.it

Aspetti tecnico strategici per realizzare un sito
  • Progetto iniziale (obiettivi, aspettative, fattibilità, tempi, progress)
  • Scelta tecnica (costi nel medio lungo termine, vantaggi e differenze)
  • Realizzazione contenuti (Progetto comunicativo, progetto redazionale e stesura testi)
  • Post messa in rete (tutti gli aspetti che fanno trovare/lavorare il sito)
aspetti economici di un sito | amdweb.it

Aspetti economici: i costi di un sito
  • Costi tecnici (piattaforma, dominio, certificati ssl, personalizzazioni e assistenza)
  • Costi realizzativi (progetti, foto, inserimento contenuti e immagini)
  • Costi grafici (grafica desktop, mobile, immagine coordinata)
  • Costi pubblicitari (come far trovare il sito? ppc, social, seo, mail marketing?)

Open source o programmazione su misura?

Non dobbiamo mai vedere il progetto web come statico e finito, ma sempre in movimento e sempre in aggiornamento (un po' come ogni punto vendita che si rispetti). Sottolineiamo questo passaggio perché troppe volte un sito c'è, ma fermo da mesi se non da anni e non servono tanti studi per capire il motivo dell'insuccesso.

Dobbiamo scordarci la falsa speranza che una volta fatto, il sito lavora da solo, un sito web deve essere vivo come un negozio. La concorrenza c'è ovunque e crediamo sia impossibile vendere per un negozio che apre senza una certa regolarità.

Parlando di codice sorgente teniamo presente che l'open source non ha costi di fondo ma solo di personalizzazione, limitandoci un po' nelle scelte; un codice fatto ad hoc ha costi di sviluppo, ma dà la massima libertà di utilizzo. Se vogliamo fare un esempio figurativo è un po' come scegliere il bus per spostarsi o la propria macchina, cambia il costo, ma aumenta la libertà di movimento, entrambe hanno bisogno di manutenzione e di affiancamento. Non dobbiamo sottovalutare il passaggio, dobbiamo invece cercare di vederci chiaro e di essere coscienti della scelta. Se, poi, ci affidiamo in tutto e per tutto ad una agenzia web, possiamo lasciare a loro la scelta, a patto che sia chiaro il chi fa cosa.

Siamo stati clienti prima di essere web agency e capiamo bene che fare una scelta tecnica è complicato. Le nostre esperienze sono state sia nella programmazione su misura che sul mondo open source e abbiamo scelto di progettare una nostra piattaforma per vincere tante problematiche di entrambe le soluzioni e per proporre un servizio davvero innovativo, il punto di partenza con costi chiari e con la possibilità di avere personalizzazioni di ogni tipo.

Cosa significa sito vetrina a partire da 1590 euro?

Start up sito vetrina da 1590 euro

Sito vetrina a partire da 1590 euro significa attivare un servizio che permette di essere on line in 48 ore dall'attivazione del dominio e l'amministrazione completa per il primo anno (rinnovo 299 euro)
Caratteristiche:

  • Attivazione e messa in rete della parte tecnica vetrina di base
  • Gestione indipendente delle pagine
  • Massima ottimizzazione seo sia dei testi che delle foto
  • Script social per far condividere i contenuti dai visitatori
  • Predisposizione per inserimento google analytics (si deve attivare il profilo nei servizi di google)
  • Form contatti
  • Pagine in evidenza ovvero la possibilità di inserire nella home dei riquadri "in evidenza" che agevolano il cliente finale nella visualizzazione di nuove pagine
  • Personalizzazione di testo e/o immagini nella mail di risposta nei contatti
  • Affiancamento iniziale per imparare ad usare la piattaforma
  • Guida on line che permette di rivedere passo passo l'utilizzo della struttura

Cosa significa sito e-commerce a partire da 2790 euro?

Start up sito store da 2790 euro

Sito e-commerce a partire da 2790 euro significa attivare un servizio che permette di essere on line in 48 ore dall'attivazione del dominio e nessun altro costo per i primi 6 mesi
Caratteristiche:

  • Attivazione e messa in rete della parte tecnica store
  • Gestione indipendente dei prodotti (menu, foto, gallery, testi)
  • Massima ottimizzazione seo, sia dei testi che delle immagini
  • Script social per far condividere i contenuti dai visitatori
  • Predisposizione per inserimento google analytics (si deve attivare il profilo nei servizi di google)
  • Form contatti
  • Personalizzazione di testo e/o immagini nella mail di risposta nei contatti
  • Personalizzazione degli accordi con il cliente
  • Gestione contatti e ordini da amministrazione del sito
  • Gestione forme di pagamento (opzionale il pos virtuale)
  • Gestione modalità di spedizione
  • Gestione carrello, mail riepilogo ordine per cliente e admin
  • Affiancamento iniziale per imparare ad usare la piattaforma
  • Guida on line che permette di rivedere, ogni qualvolta sia necessario, passo passo l'utilizzo della struttura

Le proposte, a partire da 1590 euro per un sito vetrina e 2790 euro per un sito e-commerce, sono proposte complete e permettono di iniziare a lavorare (in piena autonomia o con affiancamento).

Parliamo di codice sorgente perché è un aspetto molto importante del posizionamento del sito.

Spesso, o meglio una delle caratteristiche dei prodotti pre-confezionati è quella di fornire un pacchetto completo dove si utilizza quello che serve quindi se da una parte abbiamo una buona personalizzazione, dall'altra abbiamo un codice sorgente molto sporco, perché fatto per una serie di utenti e non per il singolo. Se vogliamo curare l'aspetto promozionale del sito, dobbiamo per forza analizzare correttamente questo aspetto e dobbiamo sapere che più il codice è fatto su misura più facile è fare un buon posizionamento.

Puntare sulla sostanza e non sull'apparenza

Un aspetto base altrettanto importante è la stesura dei contenuti e un conseguente lavoro di posizionamento nei motori di ricerca, aspetto SEO del progetto. A tal riguardo serve fare chiarezza perché sempre più clienti fanno capire di non avere le idee chiare. I contenuti sono il nostro biglietto da visita in primis e ci danno la possibilità di fare una presentazione dell'insieme. Se non sono curati è ovvio che il sito web si presenta sommario e superficiale e questo è uno dei principali sintomi di insoddisfazione per chi lo visita. Investire su campagne a pagamento senza aver sistemato i testi è segno di poca professionalità di un consulente che non è in grado di seguire bene il progetto, cerca l'ancora della salvezza con investimenti che portano accessi immediati, tralasciando di spiegare che sono momentanei e insignificanti perché poi, chi entra, comunque non trova materiale.

  • Analizzare le esigenze aziendali
  • Analizzare il mercato
  • Analizzare la concorrenza
  • Fare un primo prospetto economico che permetta di capire quanto serve all'azienda per avere riscontri
  • Fare un progetto redazionale
  • Scrivere i testi (quindi definire che tipo di testo si andrà a scrivere)
  • Coordinare le varie strategie (landing page per il ppc, seo per farsi trovare, condivisioni varie nei social o pagine specifiche per il mail marketing o per altri canali)

È doveroso chiarire questo passaggio, il sito deve avere sostanza più che apparenza, soprattutto se parliamo di PMI o professionisti che cercano nel web un supporto nuovo. Troppe volte si investe su grafiche accattivanti, creando un contenitore bello ma vuoto o comunque molto insignificante. Mettiamoci sempre nei panni di chi entra per la prima volta o di chi cerca materiale, perché dobbiamo capire immediatamente se il nostro è un servizio completo o se alla fine proponiamo il nulla. Gli accessi sono un ottimo misuratore, ma non sono il fine ultimo, sono un passaggio obbligato per arrivare a vendere o far conoscere il nostro prodotto (qui poi dipende dalle politiche di vendita, se abbiamo rivenditori o se siamo noi il punto d'incontro con il cliente).

come-pubblicizzare-il-sito.PNG

Far conoscere il nostro sito

Per riuscire a far conoscere il nostro sitonel migliore dei modi è importante che curiamo bene da una parte il posizionamento naturale e dall'altra che cerchiamo di integrare altri supporti come

  • I social network
  • Il punto vendita diretto
  • La newsletter
  • La pubblicità varia in base al settore
  • Potenziali sponsorizzazioni
  • Volantini o carta stampata in genere
  • Gadget
  • I visitatori stessi che, contenti di quanto hanno trovato, invitano i loro amici a visitarlo

Certo è complicato dare un supporto generale per ogni settore, qui è da analizzare il singolo per trovare la miglior soluzione con il miglior rapporto qualità/prezzo.

Un' idea è quella di vedere il tutto in prospettiva, investendo non tanto per un ritorno immediato ma per un ritorno a lunga gettata. Il posizionamento naturale, infatti, su cui noi crediamo e puntiamo molto, deve essere visto solo in questa ottica perché non ha una risposta immediata per una serie di fattori tecnici che richiedono tempo, mentre gli altri sistemi sono vincolati dal nostro metter mano al portafoglio, operazione molto soggettiva.

La condizione ideale è quella di saper scegliere il meglio di ogni opportunità e di saperlo adattare alle singole esigenze.

La pubblicità ideale è riuscire a prendere il meglio di ogni cosa e saper intrecciare le varie strade per farle convergere al nostro prodotto finale, tutte le strade portano a noi, per parafrasare una frase storica.

Non è quanto spendo il punto focale, ma cosa ci ricavo.

Come essere visibili nel web con professionalità

Di fondo per essere visibili nel web in modo professionale è importante curare in prima persona il progetto o meglio, il contenuto del progetto. Solo noi possiamo sapere cosa è importante nella nostra attività e solo la nostra supervisione dell'insieme rende professionale il contenuto e la presentazione. Noi sappiamo su cosa puntare, su cosa insistere cosa è importante e cosa può essere tralasciato.

Saper scindere il privato ed il pubblico e soprattutto non dare mai niente per scontato.

Abbiamo dato per chiaro il fattore di fondo, cioè l'importanza di affidarsi a dei professionisti, e questo è il filo conduttore che deve essere sempre costante. Arrangiarsi è possibile, ma sempre con cautela, soprattutto se ci si avvicina al mondo del virtuale per la prima volta. Molta attenzione è da fare poi per i canali secondari come i social network dove si tende a fare un minestrone.  

Pubblicizzare un sito con i social network

Come accennato i social network sono una moda momentanea, a periodi entrano ed escono dalla scena, e dovremmo pensare bene alla loro integrazione nello sviluppo pubblicitario del nostro sito, dobbiamo essere accorti nel

pubblicizzare un sito con i social network.

Facciamo molta attenzione alla frase integrazione, perché non è casuale, ma vuole sottolineare l'importanza di avere un supporto diretto dal social, ma non come sussidio principale. Il fulcro del progetto è il sito, quindi è importante dire al mondo del social che ci siamo, e abbiamo un sito aggiornato e curato. L'errore comune è quello di usarli come fonte principale perché è veloce l'interazione con il sistema, dimenticando però un fatto importante ovvero che si rischia di legare le sorti aziendali al social in questione. Se chiude facebook, per fare un esempio, se noi lo usiamo per comunicare con i clienti, rischiamo di dover iniziare tutto da capo, mentre se è una semplice vetrina che supporta newsletter o messaggi vari, non ci cambia molto la chiusura. Social network si, ma sempre a supporto e se parliamo di uno sviluppo aziendale bisogna fare sempre molta attenzione a condivisioni personali o messaggi che esulano dal nostro lavoro in quanto politica o sport possono essere validi motivi per litigare o discutere con i clienti che, indispettiti, potrebbero cambiare fornitore.

Agenzia web che non fa solo il sito

Ecco un'altra considerazione importante, l'agenzia web che scegliamo fa solo il sito o sa anche posizionarlo e farci tutta l'opportuna pubblicità che serve? Sa farmi delle proposte concrete per il successivo sviluppo?

Questo passaggio ci permette di chiarire anche le competenze perché non avendo conoscenze spesso uno degli errori è quello di essere superficiali nella scelta iniziale. Non è questione di essere bravi ragazzi, ma di avere le giuste competenze per fare quello che serve. Quando compriamo un'auto si danno per scontati una serie di parametri incredibili, è ovvio che c'è la serratura per chiuderla, ci sono i fanali, la marmitta e non si sta tanto a discutere di questo, ma un sito web convenzionalmente non ha una serie di cose scontate. Si fa su misura per questo, e ogni piccolo particolare dovrebbe essere chiarito prima. Qui purtroppo subentra una difficoltà di fondo di chi commissiona perché spesso non sa bene cosa chiedere e rischia di trovarsi un po' vincolato dalle scelte di chi esegue il lavoro. Facciamo comunque attenzione ad un passaggio che magari ci può aiutare: con il sito, in linea di massima dobbiamo preoccuparci:

Dell'aspetto tecnico

  • Della parte tecnica del sito
  • Dei contenuti
  • Di avere un form contatti
  • Di poter inserire foto
  • Velocità di aggiornamento
  • Poter inserire nuovi testi

Da un punto di vista di sviluppo successivo dobbiamo pensare a

  • Chi vede il progetto
  • Come lo pubblicizzo
  • Che alternative ho, a pagamento o naturali
  • Cosa è meglio fare e come vedo i risultati

Terza fase da controllare

  • Gli aggiornamenti
  • Le tempistiche di lavorazione
  • La possibilità di integrazioni, anche tecniche, in un secondo momento

Non scordiamoci che tutto questo ha un costo che non può essere di 300/500 euro.

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 02/09/2012 19:01:38
L'ultimo aggiornamento: 31/05/2020 20:29:36
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

Non c'è solo burocrazia, attenzione alla realizzazione, alle strategie, al cliente finale....
leggi..
15/06/2020
Vuoi un servizio mail professionale, controllato e sempre performante? Contattaci per un preventivo personalizzato...
leggi..
05/07/2020
Passaggio molto importante se l'azienda cerca dal sito nuovi clienti...
leggi..
02/08/2020
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology