In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login
ADV>

Quanto è importante far trovare un sito?

Un'azienda che sceglie di promuoversi nel web deve per forza fare investimenti mirati sulla visibilità.

Quanto è importante far trovare un sito? È fondamentale far trovare un sito, in modo particolare se il sito è aziendale e se si cerca nel web, un riscontro economico!

Da dove si parte, per far trovare un sito?

Per far trovare un sito, si parte dalle fondamenta della realizzazione, si parte da un progetto e, a cascata, si possono fare come conseguenza del progetto, una serie di scelte tecnico strategiche, importanti per il raggiungimento degli obiettivi.

Visibilità naturale con il posizionamento nei motori di ricerca, landing page con campagne a pagamento, newsletter con relative strategie per raccogliere dati e indirizzi, presenza nei social: sono davvero tante le strade per far trovare un sito ma saperle coordinare prima di spendere è importante per ottimizzare ogni centesimo nell'investimento.

amdweb segue nelle realizzazioni di un sito aziendale uno schema molto semplice che permette di analizzare diversi aspetti della realizzazione (tecnici, realizzativi, strategici), con un'accurata analisi economica, fondamentale quando si parla di investimento aziendale.

Aspetti tecnico strategici di un sito | amdweb.it

Aspetti tecnico strategici per realizzare un sito
  • Progetto iniziale (obiettivi, aspettative, tempi)
  • Scelta tecnica (costi, opportunità nel medio lungo termine)
  • Realizzazione contenuti (Progetto comunicativo, progetto redazionale e stesura testi)
  • Post messa in rete (tutti gli aspetti che fanno lavorare un sito)
aspetti economici di un sito | amdweb.it

Aspetti economici: i costi di un sito
  • Costi tecnici (piattaforma, dominio, certificati, personalizzazioni e assistenza)
  • Costi realizzativi (progetti, foto, inserimenti)
  • Costi grafici (desktop, mobile, immagine coordinata)
  • Costi pubblicitari (come si fa trovare il sito? ppc, social, seo, mail marketing?)

Nessuna voce è casuale (se serve aiuto o maggiori dettagli, l'assistenza clienti è sempre disponibile a dare ogni chiarimento +3904451716445),  tutto rientra in un progetto di insieme abbastanza ampio per arrivare ad una realizzazione professionale in ogni aspetto. Il progetto non è partire dal "banale" presupposto di fare soldi senza consapevolezza, come troppe volte succede, il progetto è partire da una attenta analisi di obiettivi, costi, possibilità, analisi di mercato, visti magari nel medio lungo termine e, non da meno, con una certa concretezza.

Aspetti tecnici e strategici devono essere discussi prima di iniziare il lavoro, altrimenti ci si ritrova con siti inutili, pesanti, economicamente impegnativi ma senza riscontri.

Il progetto non deve essere irreale, ma molto veritiero (inutile sperare che le cosa vadano bene, meglio vedere tutto in eccesso negativo) perché deve mettere l'azienda nella condizione ideale di capire

  • costi della realizzazione
  • costi strategici (attenzione perché sono costi davvero impegnativi)
  • costi d'insieme
  • costi nel medio lungo termine
  • opportunità
  • possibili margini
  • obiettivi minimi

Il sito deve diventare uno strumento di lavoro, un canale diretto tra cliente ed azienda.

Quanto è importante far trovare un sito?

Quanti modi ci sono per far trovare un sito?

Sono tante le soluzioni per far trovare un sito e tutte devono essere analizzate nel progetto iniziale perché sono comunque soluzioni costose. Una prima considerazione da fare, quando si parla di sito aziendale, sia esso vetrina, blog, o altro è un ancoraggio al prezzo spesso fuori da ogni logica. Il web propone soluzioni economiche molto discutibili che presentano nel tempo una serie di "variabili" che portano l'azienda a spendere cifre molto importanti, senza appunto una chiara organizzazione.

Non ci si illuda di spendere poco, non si creda all'amico dell'amico che al sabato, nel dopo lavoro, fa magie nel web perché non è vero (oltretutto perché farlo come secondo lavoro se si è così bravi?).

Per far trovare un sito ci sono

  • soluzioni SEO, quindi lavoro di posizionamento nei motori di ricerca
  • soluzioni a pagamento PPC
  • soluzioni di ADV tradizionali
  • sponsorizzazioni
  • mail marketing, previa raccolta dati
  • concorsi o raccolta punti
  • punti vendita

Cosa si vuole dal sito?

Il primo aspetto da capire è cosa si vuole dal sito, perché in base al punto di partenza è possibile identificare la miglior soluzione di visibilità.

La seo, per fare un esempio, è una soluzione per far trovare un sito, molto concreta, importante nei costi ma "veritiera" e controllabile perché permette di intercettare clienti interessati che hanno fatto determinate ricerche ed è un dato di fatto che, cercando un determinato argomento, il sito compaia.

Quando si parla di seo, non ci si deve "fidare" di nessuno, perché chiunque può verificare la seo, cercando "determinati argomenti", determinate parole chiave o query di ricerca: nulla di strano, si fa un progetto e si identificano le parole o meglio le query di ricerca più idonee all'attività. Si scrivono i testi e si passa alla fase di verifica, dopo qualche mese, facendo delle con google. In base a come si trova il sito, si vede concretamente ogni miglioria del sito (in genere si usa come riferimento google, perché è il motore di ricerca più utilizzato). Se il sito non compare nelle ricerche si va a fondo della problematica, ricordando che

  • serve del tempo, spesso mesi, a volte solo giorni, a volte settimane
  • un sito piccolo per google deve avere almeno 250 pagine
  • non serve a nulla fare qualche pagina, ogni tanto
  • non sempre si è nelle prime posizioni con quanto sperato (ecco perché è importante capire come insinuarsi nel mercato e come un utente cerca il settore che si tratta)

Parlare di seo significa parlare di costi che partono da 1500 euro al mese e di tempistiche di lavoro di 2/3 anni. I primi riscontri si possono avere, appunto, dopo qualche mese.

Parlare di PPC, per fare un altro esempio, significa parlare di parole o query sponsorizzate, quindi chiedere a google di avere visibilità quando un utente cerca determinate parole o query (frasi di ricerca). Non costa poco, perché si parla di costi a partire da 50 centesimi a click, più un costo di gestione iniziale della campagna, costo che parte da 150 euro e costi mensili di gestione campagna, da 50 euro al mese.

In media un sito investe da 1500/2000 euro al mese, in base alle singole esigenze (nulla di strano se aziende top spendono milioni al mese per far trovare il sito!). Anche nel caso del ppc, serve investire su pagine di atterraggio precise, meglio se landing page esclusive per monitorare ogni dato nel migliore dei modi , quindi su testi e comunicazione mirata.

Un cliente che arriva nel sito, se non trova sostanza, se non trova quanto cerca, con un semplice click esce e cerca altrove rendendo vano tutto il lavoro di realizzazione.

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 31/01/2018 09:42:49
L'ultimo aggiornamento: 11/03/2018 11:54:05
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

Ottimizzazione siti aziendale per rendere il sito uno strumento di lavoro...
leggi..
28/09/2018
Perché il servizio amdweb con yost.technology è così innovativo?
leggi..
16/10/2018
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology