In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

Perché usare un indirizzo mail professionale?

È importante usare un indirizzo mail professionale perché molte aziende lavorano da anni con mail e comunicazioni virtuali, e da anni hanno una mail free cioè un account con hot mail, libero, tiscali che gli permette di avere un indirizzo senza spendere un centesimo. Poi si decide di fare il passo, di avere un sito aziendale e si inizia a pubblicizzarlo ai clienti "vecchi" e nuovi, ma si persiste nell'utilizzare la vecchia mail senza rendersi conto di dare un'immagine aziendale "sbagliata". La parte complessa del cambio mail, spesso, è quella di gestire gli invii e le "doppie" ricezioni, cosa che, quasi sempre, è più complessa da fare mentalmente che pratiamente, perché basterebbe impostare tutte le mail in uscita con il nuovo indirizzo e inoltrare le richieste che arrivano al vecchio indirizzo, al nuovo; non diciamo di cancellare la vecchia mail, anzi, il consiglio è di tenerla per qualche mese se non qualche anno ancora attiva, ma di iniziare a mandare ogni comunicazione con la mail aziendale.

La mail azienali che ogni giorno mandiamo al cliente è il primo segnale di professionalità che trasmettiamo, perché un continuum tra azienda, sito e mezzi di comunicazione. Per molti clienti, non è chiaro il passaggio, sembra fare lo stesso un indirizzo o un altro (sottolineiamo il sembra, perché non è così!), ma per chi non vi conosce, invece, è parecchio diverso.

Immaginate di acquistare un pc apple (ma l'esempio è uguale per una tv sony, un monitor panasonic, o un qualsiasi altro oggetto) e di chiedere assistenza per un qualsiasi motivo via mail e a rispondervi è un consulente davvero preparato che vi manda materiale informativo o di approfondimento con una mail personale. Danno doppio, perché

  • figuraccia con il cliente che resta un po' spaesato davanti al fatto di leggere nell'indirizzo nome@hotmail.com, o nome@libero.it, perché si aspetta una mail aziendale ufficiale, una mail con nome@nomeazienda.com/it/net  e
  • nessuna gestione del cliente perché se dovrà rispodere o prolungare la conversazione virtuale, eluderà l'ufficialità aziendale e scriverà direttamente all'operatore che, in caso di cambio lavoro, o di inutilizzo dell'indirizzo interromperà la comunicazione con il cliente.

Possiamo anche estremizzare l'esempio in modo diverso, pensate che oltre ad una mail, l'operatore vi mandi anche le spiegazioni in cartaceo per approfondire la vostra richiesta, e vi spedisce tutto con una carta intestata di un altra azienda. Sembra insignificante la cosa, ma è estremamente dannosa, perché vi da un senso di disinteresse incredibile e non sembra darvi la giusta importanza, senza considerare, in parallelo, la magra figura che fa l'azienda.

Attraverso l'utilizzo di una mail aziendale in primis mettiamo in primo piano il brand aziendale e, non da meno, anche se l'operatore cambia, l'azienda avrà modo di restare in contatto con il suo cliente, senza disservizi e perdite di tempo. Addirittura ci sono aziende che usano un centralino di smistamento per evitare disservizi o usano un centralino che recupera le mail dei dipendenti che per qualsiasi motivo non ci sono più proprio per garantire al cliente il servizio di assistenza.

Qualsiasi sia il settore che trattiamo, l'utilizzo di una mail specifica aziendale è un segnale di aggiornamento professionale, di essere al passo con i tempi ed un modo di ricordare a chi scriviamo che abbiamo un'azienda che ha un sito.

Altro aspetto da non sottovalutare, è l'utilizzo della mail aziendale per far conoscere al cliente il nostro indirizzo e così in caso di invii di mail pubblicitarie, newsletter periodiche, comunicazioni dell'ultimo minuto, abbiamo più possibilità di consegnare il messaggio al destinatario senza che finisca nello spam, perché non conosciuto. Molte aziende, infatti, scrivono mail con indirizzi personali, poi inviano newsletter con sistemi automatizzati con l'indirizzo aziendale ma non tengono in considerazione il fatto che molte non arriveranno a destinazione perché bloccate dai filtri antispam che vogliono evitare mail da sconosciuti che hanno solo un fine pubblicitario.

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 13/12/2012 12:47:23
L'ultimo aggiornamento: 04/06/2015 12:50:42
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

Scopri il servizio amdweb per essere on line con la tua azienda...
leggi..
30/08/2012
Come può chi non conosce l'azienda, capire cosa offre senza una comunicazione adeguata?
leggi..
14/04/2018
Quante volte si arriva in un sito aziendale e non si capisce tutto quello che tratta l'azienda?...
leggi..
24/08/2018
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology