In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

Sito web: da dove partire?

La moda del momento invita tutti ad avere un sito.
Le necessità aziendali sono avere nuovi clienti e nuovi mercati.
L'ironia del momento è pensare di poterlo fare con un sito che costa poco, fatto in casa o con l'amico dell'amico.
La realtà è che un sito è uno strumento di lavoro e come tale deve essere fatto su misura, con obiettivi e scadenze programmate.

Da dove partire, quindi, per fare un sito su misura

  • adatto alla nostra azienda
  • adatto alle nostre esigenze
  • che porti clienti e nuovi mercati?

L'esperienza maturata in questi anni ci permette di identificare tre passaggi, identificandoli come un punto di partenza, tre step fondamentali per poter usare il sito come uno strumento di lavoro:

  • un lavoro iniziale concettuale
  • un lavoro esecutivo
  • un lavoro post messa in rete del sito, strategico

Partiamo dall'ideare un sito

La parte iniziale è informativa, cioè si cerca di capire cosa e come fare, si cerca di capire nel dettaglio costi e tempi di un sito, per capire proprio da dove partire. È una fase che spesso si sottovaluta ma se il nostro progetto web è importante, questa fase iniziale possiamo definirla il progetto, l'ossatura, le fondamenta che poi devono essere fisicamente fatte e sfruttate. Questa fase è già lavoro, non prendiamo paura se ci chiedono dei soldi per farla bene, e non pretendiamola gratis perché è l'inizio e se fatto male, rischia di rendere inutile il progetto stesso.

Per capire da che punto partire per fare un sito, è importante innanzitutto far luce sugli obiettivi e su cosa ci si aspetta dal sito perché

  • se l'idea è spendere poco, detto fatto, scegliamo soluzioni economiche senza pretese, il web ne è pieno;
  • se l'idea è una semplice vetrina, senza un lavoro post messa in rete, possiamo fare un piccolo passo avanti, ma per esperienza, non spendiamo troppo, non serve a molto un sito vetrina, senza interazione e senza dire sostanzialmente niente.
  • se l'idea è un sito che rende, cerchiamo di capire bene il suo funzionamento, tecnico e concettuale perché dall'idea iniziale possiamo lavorare strategicamente su tutta una serie di aspetti che fanno del nostro sito, uno strumento di lavoro, sia e-commerce che vetrina, sia di informazioni che di servizi post vendita per i clienti finali.

Un sito deve essere uno strumento di lavoro: partiamo dal pensarlo come tale perché possiamo personalizzare ogni passaggio per arrivare meglioa nuovi clienti e nuovi mercati.

Consigliamo massima chiarezza su due macro aspetti il primo tecnico strategico, il secondo economico. Ne parleremo spesso, perché sono questioni molto delicate che influiscono sul lavoro finale. Consigliamo di affrontare sempre e con estrema consapevolezza, almeno concettuale, ogni passaggio per scegliere il meglio e investire nella presenza aziendale con cognizione di causa.

Aspetti tecnico strategici di un sito | amdweb.it

Aspetti tecnico strategici per realizzare un sito
  • Progetto iniziale (obiettivi, aspettative, tempi)
  • Scelta tecnica (costi, opportunità nel medio lungo termine)
  • Realizzazione contenuti (Progetto comunicativo, progetto redazionale e stesura testi)
  • Post messa in rete (tutti gli aspetti che fanno lavorare un sito)
aspetti economici di un sito | amdweb.it

Aspetti economici: i costi di un sito
  • Costi tecnici (piattaforma, dominio, certificati, personalizzazioni e assistenza)
  • Costi realizzativi (progetti, foto, inserimenti)
  • Costi grafici (desktop, mobile, immagine coordinata)
  • Costi pubblicitari (come si fa trovare il sito? ppc, social, seo, mail marketing?)

Parte tecnica, linguaggio, grafica, testi, immagini, newsletter, profili social, aree riservate, sono una parte degli aspetti che dobbiamo analizzare, per fare la differenza e chi scegliamo come partner deve saper affrontare con una certa padronanza ogni passaggio ed essere strategicamente in grado di analizzare il contesto. Non facciamo l'errore di banalizzare un sito internet, perché sarebbe un punto di partenza per un sito sbagliato.

Parte esecutiva di un sito

Iniziamo a mettere e convertire in codice quanto studiato e analizzato nella prima fase del lavoro. Concretizziamo quanto teorizzato e diamo forma. Fase esecutiva perché è il passaggio che ci permette di mettere in rete l'ossatura del sito e di dare il via alla fase concettuale strategica che ci permette di "sfruttare" quanto ideato.
Facciamo attenzione, la parte fisica del sito, il fare il sito è un lavoro delicato che spesso non possiamo né capire né giudicare quindi la scelta deve essere conseguenza di aspetti concettuali che ci sono stati chiariti nelle consulenze iniziali. Quanto ci è stato detto adesso deve essere fatto. Tutto scritto e contrattualizzato senza paura e senza "fiducia", perché se la consulenza è stata seria e veritiera non costa niente scrivere e fare un chiaro contratto con costi e obiettivi. Tutto quello che dimentichiamo o che rimandiamo, ci troveremo ad affrontarlo in tempi successivi per cui se la scelta iniziale non ci convince, o non è fatta con criterio, rischiamo di dover rifare o di avere un sito che non rende, fermo, statico, senza visite né accessi, senza contatti e clienti.

Le strategie post messa in rete di un sito

Le strategie post messa in rete di un sito sono delle conseguenze a quanto precedentemente ideato.

  • se si punta alla visibilità si inizia un percorso strategico che svisceri quello che facciamo studiando le ricerche dei clienti
  • se vendiamo on line, presenteremo i prodotti e una serie di buoni motivi per scegliere noi

e così via per ogni tipo di obiettivo e percorso studiato nelle fasi iniziali. Le strategie sono basilari per avere risultati, perché un sito fatto e finito non ha molto senso se lo concepiamo come strumento di lavoro. Le strategie sono da studiare e personalizzare, per questo non ci soffermiamo troppo, perché è un lavoro su misura, specifico che deve solo essere studiato in base agli obiettivi, agli investimenti, alle idee che caratterizzato l'azienda. Solo questo modo do operare ci permette di avere benefici dal sito, solo questo modo di operare ci permette di avere riscontri e nuovi clienti.

Da dove partire per un sito web?

Cerchiamo di aver chiari i nostri obiettivi e cerchiamo di fare un sito che sia la nostra immagine e permetta a chi lo visita innanzitutto di trovarlo, poi, non da meno, di avere esaustive risposte ed esautive motivazioni per scegliere noi rispetto la moltitudine di concorrenti che sono nel settore che trattiamo. Un cliente cerca conferme non slogan, un cliente cerca concretezza, non promesse e se lo trova in noi e nei nostri servizi, di certo è una conferma che il lavoro fatto è servito alla mission di partenza.

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 24/02/2014 09:58:40
L'ultimo aggiornamento: 13/08/2018 09:24:07
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

Scopri il servizio amdweb per essere on line con la tua azienda...
leggi..
30/08/2012
Come può chi non conosce l'azienda, capire cosa offre senza una comunicazione adeguata?
leggi..
14/04/2018
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology