In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

Cosa significa aprire un sito e-commerce?

Non è sempre chiaro tutto il lavoro da fare per aprire un sito e-commerce, succede spesso che si trovino on line informazioni poco chiare e poco complete, che non permettono di far capire a chi inizia cosa significhi aprire un sito e-commerce.

In questa pagina riporteremo un' esperienza diretta, senza riferimenti e con un contesto commerciale di fantasia per permettere a chi ha intenzione di iniziare, di capire bene cosa significa aprire un sito e-commerce, quanto costa e perché ci sono determinati costi, oltre ovviamente alla realizzazione del sito.

Quando amdweb parla di almeno 10/12 mila euro di investimento per aprire un sito e-commerce e on line si trovano prezzi per siti completi a partire da 999 euro (ci sono offerte addirittura di 299 euro), qualcosa non torna, ma per evitare di spendere male, meglio avere pazienza e leggere bene quanto amdweb sta condividendo perché per essere on line i costi ci sono e quando si spende poco si sta solo rinunciando a qualcosa.

Non ci si sta inventando nulla, sono costi pubblici e procedure verificabili anche da chi non ha nessuna esperienza o competenza nel web.

  • Cosa significa aprire un sito e-commerce? 1) avere costi fiscali
  • Cosa significa aprire un sito e-commerce? 2) avere costi legali
  • Cosa significa aprire un sito e-commerce? 3) avere costi tecnico strategici
  • Cosa significa aprire un sito e-commerce? 4) avere costi per presentare i prodotti (comunicazione)
  • Cosa significa aprire un sito e-commerce? 5) avere costi logistici organizzativi
  • Cosa significa aprire un sito e-commerce? 5) investire molto tempo

Aspetti fiscali di un sito e-commerce

Se si parte da zero o si fa un lavoro parallelo ad un lavoro da dipendente, prima di tutto, serve avere la consulenza di un commercialista. Ci sono tasse da pagare e serve una partita iva quando si vende on line.

Ci permettiamo di dare un consiglio, si scelga per ogni "argomento" uno specifico professionista evitando i furbetti che dispensano "consigli" sul lavoro altrui.

  • Il commercialista deve seguire la contabilità
  • La web agency il sito e le strategie (se la web agency non segue le strategie, si approfondisca)
  • L'avvocato segue gli accordi commerciali e legali

Non stiamo scherzando, si sentono spesso clienti che, consigliati dal commercialista, usano soluzioni gratuite per fare un sito che tanto è uguale o scopiazzano le condizioni di vendita da altri siti, che se lo fanno loro sono giuste, però non si tocchi mai il loro lavoro, perché sulle tasse non si scherza, e il lavoro del commercialista è molto importante.

Quando si fa un sito e-commerce, non si scherza su nulla e ogni contesto deve essere seguito da personale capace ed esperto!

Le varie forme di società o le varie opzioni sulla scelta del tipo di partita iva sono una questione da valutare con un esperto contabile, ma preme ricordare, quando si parla di cosa significa aprire un sito e-commerce, che ci sono costi e non sono banali. Non si dimentichi, ad esempio, l'apertura di un conto corrente, che per le aziende costa di più di un conto corrente personale!

Contratti e aspetti legali di un sito e-commerce

Ogni settore ha le proprie regole, se si vende ad aziende o privati si fanno differenti condizioni di vendita o di reso. Se si sta cercando di capire cosa significa aprire un sito e-commerce, si tenga presente che  Serve la consulenza di un legale, serve una persona esperta per stilare un accordo che l'utente privato o azienda, accetta quando compera qualcosa.

Si eviti di perdere tempo scopiazzando siti della concorrenza, si eviti di andare on line con condizioni messe a caso, si eviti di inventarsi regole che non esistono, in primis perché non sono legali, non da meno perché si perde solo tempo. Stesse considerazioni fatte sopra, anche qui serve investire tempo e soldi!

Cosa significa aprire un sito e-commerce?

Sistemate un po' di questioni burocrariche si analizza la vera e propria realizzazione del sito.

Cosa serve per realizzare un sito e-commerce? Ecco un prospetto spesa che amdweb consiglia di capire e seguire per mettere on line un sito internet professionale.

Aspetti tecnico strategici di un sito | amdweb.it

Aspetti tecnico strategici per realizzare un sito
  • Progetto iniziale (obiettivi, aspettative, tempi)
  • Scelta tecnica (costi, opportunità nel medio lungo termine)
  • Realizzazione contenuti (Progetto comunicativo, progetto redazionale e stesura testi)
  • Post messa in rete (tutti gli aspetti che fanno lavorare un sito)
aspetti economici di un sito | amdweb.it

Aspetti economici: i costi di un sito
  • Costi tecnici (piattaforma, dominio, certificati, personalizzazioni e assistenza)
  • Costi realizzativi (progetti, foto, inserimenti)
  • Costi grafici (desktop, mobile, immagine coordinata)
  • Costi pubblicitari (come si fa trovare il sito? ppc, social, seo, mail marketing?)

Facendo una semplice analisi, si nota come costi tecnici e progetto sono il punto di partenza del lavoro. La scelta tecnica deve essere fatta rispetto alle competenze che si hanno (se un utente conosce o ha esperienza sa bene cosa fare), se non si ha esperienza, si valuti bene una collaborazione perché sono tante le incognite tecniche.

amdweb propone un servizio tecnico con affiancamento, proprio per le aziende o per gli imprenditori che hanno l'idea giusta e necessitano di una spalla tecnica. Il servizio amdweb è in primis un servizio tecnico con cui un utente si può arrangiare o può avere supporto, ma si parla sempre di un prodotto che amdweb cura, sviluppa e controlla.
amdweb propone e consiglia per fare un sito e-commerce yost.technology, il servizio assistito per fare siti con costi chiari nel tempo e personalizzazioni su misura. Se ci sono imprevisti fanno parte del servizio e non di chi spende e, se per qualsiasi motivo si volesse cambiare, nessuna penale e nessun vincolo. Il servizio è un punto di partenza, completo e funzionale ma sempre con la possibilità di un lavoro personalizzato nel tempo (quello che amdweb chiama realizzazione del sito e-commerce work in progress).

Prodotto, servizi e presentazione nel sito e-commerce (comunicazione)

Inutile nascondere che un aspetto importante per chi vende on line è

  • avere un buon prodotto/servizio da vendere (e se ne parla prima di parlare della realizzazione del sito)
  • avere una presentazione coordinata e facile da comprendere
  • avere un sito veloce e facile da navigare (gli aspetti del sito saranno trattati dopo)

Descrizioni, fotografo, grafica, materia prima... non sono aspetti così banali soprattutto se si è iniziato a proporsi un po' per gioco, a tempo perso. L'esperienza da cui si sta prendendo spunto nasce proprio per gioco, come secondo lavoro, si sono avuti riscontri, si è iniziato con una pagina social e si è scelto di aprire una ditta per dare un segnale forte, che facesse capire la serietà del progetto.

Non è a caso la considerazione sul commercialista, succede spesso che vengano regalati consigli senza senso sulla gestione della vendita on line e succede spesso che a metà del lavoro ci si renda conto che non è un gioco e la consulenza iniziale, dove si dice che si spende parecchio, prende forma.

Non si vuole scoraggiare un utente o azienda dall'aprire un sito e-commerce, ma far prendere consapevolezza!

Se il prodotto necessita di essere presentato anche graficamente, non si può pensare di risolvere il tutto con un telefono di ultima generazione ma si deve prendere in considerazione il supporto di un esperto nella fotografia e un esperto in grafica.

Quando si parla di investimenti sulla comunicazione, si parla di testi, immagine on line, presenza nei social e, non da meno, strategie seo per essere trovati. Parlare di seo in un sito, sia esso vetrina che e-commerce, significa capire come un utente cerca, solo così si possono dare risposte, cercando sempre di proporsi con quanto si vende.

Fare un lavoro seo richiede competenze specifiche che non devono essere banalizzate. Se si fa da soli per risparmiare, si capisca che si sta togliendo benzina alla comunicazione!

Sito, cliente, azienda devono trovare un equilibrio stabile per avere riscontri soprattutto quando si parla di far spendere dei soldi al cliente finale.

Quando si sceglie di proporre on line dei prodotti, si deve avere una visione d'insieme molto dettagliata perché si rischia di spendere male e di trovarsi a non avere riscontri. Quando ad esempio un sito ha tante domande attraverso un form contatti, significa che non sta curando la comunicazione e mette il cliente nella condizione di non eseguire in autonomia la transazione di acquisto. Quando si chiedono dati non utili alla transazione, quando non sono chiare le spese di spedizione, quando non sono chiari i metodi di pagamento, si sta solo spendendo male nella comunicazione e si sta portando il cliente a spendere altrove.

Logistica, magazzino e resi in un sito e-commerce

Altro dettaglio che non sempre si analizza quando si sceglie la vendita on line: la gestione post transazione del cliente.

Un cliente fa un acquisto e un pagamento, aspettandosi una consegna il più rapida possibile. Amazon sta abituando il grande pubblico a consegne rapide, addirittura in poche ore e questo aspetto alza notevolmente le aspettative. Se fino a qualche anno fa, avere un sito che vende on line non imponeva la chiusura della transazione in poche ore, adesso, dopo il pagamento, il cliente si aspetta una mail di presa in carico da parte del corriere.

Logistica, scatole, gestione dell'ordine, etichette, nastro adesivo sono alcuni aspetti della spedizione che devono essere analizzati.

Magazzino e logistica acquisiscono un notevole importanza nella gestione di un sito e-commerce e prima di iniziare è bene capire

  • costi disponibilità e metodo di lavoro dei corrieri
  • come organizzarsi per spedire
  • gestione resi/rimborsi

Serve organizzarsi per garantire spedizioni veloci e con imballi seri. NON si faccia l'errore di spedire con cartoni della pasta o del detersivo, cose già viste da clienti, perché tutto deve avere coerenza con l'intero contesto lavorativo del sito.

Cosa significa aprire un sito e-commerce con amdweb?

Lavorare con amdweb significa poter contare su un'esperienza decennale nel web che ha portato l'azienda

  • a proporre una soluzione tecnica proprietaria
  • ad acquisire esperienze che fanno risparmiare tempo e soldi
  • a lavorare senza imporre vincoli
  • ad esporre prezzi e costi nel medio lungo termine
  • a poter contare su una serie di collaborazioni che aiutano la presenza aziendale ad essere professionale.

Nessun tuttologo, ogni settore al suo professionista e, soprattutto, trasparenza nelle decisioni. Il risparmio deve essere inteso nel senso più ampio del significato perché aprire un sito e-commerce con amdweb non significa spendere meno, ma investire meglio, evitando errori che l'esperienza ha già identificato come tali!

 

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 09/03/2018 12:20:31
L'ultimo aggiornamento: 11/03/2018 19:24:14
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

strategie, realizzazione e pubblicità in un sito aziendale
leggi..
14/02/2019
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology