In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

Ho un sito che non si vede

Ho un sito che non si vede, cosa posso fare? È gettonatissima la domanda e, nella maggior parte dei casi, è conseguenza di un sito fatto in fretta, da un amico pubblicitario o solo appassionato, quasi per farci un favore che comunque non è costato poco.
Altro problema per un sito che non si vede sono delle nostre pretese, perché non si vuole aggiungere né testo, né foto, ma lo si vuole più visibile.
Attenzione:

  • un sito che non si vede, è un sito che non si trova

  • un sito che non si vede, è un sito che non è stato posizionato

  • un sito che non si vede, è un sito che non porta nuovi utenti e nuovi clienti

  • un sito che non si vede, è un sito che non dovrebbe portare il nostro nome

Fare un sito che non si vede, come non fare questo errore

Il punto di partenza dovrebbe, però, essere un altro. Se il nostro amico fa il grafico pubblicitario o qualsiasi altro mestiere, perché fa un sito per la nostra azienda? E noi, titolari, perché chiediamo ad un grafico pubblicitario o comunque ad un non esperto del settore, di farci un sito? Dettando anche leggi precise su come lo vogliamo  e come non lo vogliamo, senza sapere le potenziali consenguenze e dando dei paletti strettissimi di sviluppo perché "ci piace così" senza avere nessuna cognizione di causa? Su queste esigenze il mercato si è mosso e propone mezzi friendly per farsi un sito da soli, belle carcasse (solo da un punto di vista visivo) e tutta la libertà che vogliamo per essere on line a nostro piacimento (così poi non possiamo accusare nessun altro del nostro insuccesso).

Ho un sito che non si vede

Se il sito non si vede, è inutile per l'azienda

Parliamo di siti aziendali, siti per promuovere attività, business, siti web per enti, aziende, liberi professionisti che vorrebbero usare il web per parlare della loro azienda a nuovi clienti. Il primo passo per avere un sito per lavorare, è fare un sito professionale, curando codice, testi, immagini, grafica e visione d'insieme. Non è una lista banale di ingredienti, ogni step richiede specifiche conoscenze, professionalità, competenza. Avere un sito non è avere delle pagine on line, con dei link senza errori, ma avere un sito aziendale è avere un mezzo di lavoro, un progetto per comunicare qualcosa a chi la sta cercando, trovando il mezzo migliore per arrivare a tutti, capendo le necessità ed i dubbi da risolvere a tutte le persone, per lo meno la maggior parte, che cercano on line. Non parliamo di avere un sito ma di arrivare a nuovi clienti con un sito, studiando cosa cerca il cliente e cercando di dargli le migliori risposte.

  • non si può fare un sito senza testi, se no si ha un sito che non si vede;
  • non possiamo sottovalutare le foto, se vogliamo essere trovati;
  • non possiamo pretendere un contatto, se il sito non è esaustivo nei dettagli;
  • non possiamo avere visite e nuovi clienti se in primis non diamo niente, non diamo modo al visitatore di conoscerci e di capire che siamo professionali

Quando siamo contattati da clienti che hanno un sito, ma è un sito che non si vede, il punto di fondo che trattiamo è sempre questo.

Il tuo sito non si vede, ma i testi chi li ha fatti?

Se le immagini che inseriamo, si chiamano come la nostra macchinetta fotografica, o il nostro cellulare, come possiamo dire a google di cosa parlano?

Sigle come img_01.jpg cosa può significare?

  • Cosa vogliamo fare con il sito?
  • Siamo consapevoli della forza del web?
  • Perché decidiamo di essere on line?

Perché se abbiamo un sito che non si vede, c'è qualcosa che non torna nei presupposti iniziali,

  • o abbiamo deciso di partire in modo economico,
  • o non ci siamo preoccupati prima di iniziare, sottovalutando l'effetto negativo di un sito non esaustivo per il cliente,
  • o ci siamo semplicemente affidati alle persone sbagliate.

Il punto da risolvere, adesso, è un altro: qualsiasi sia la spesa fatta, nel 95% (99) dei casi, è persa, perché il lavoro è da rifare. Poche agenzie web lavorano sulle ceneri di altre, e pochi esperti SEO curano la visibilità di un sito senza avere il controllo del codice, perché troppe volte, il risparmio iniziale ha suggerito di fare un sito con scorciatoie, con software economici, o con sistemi open source, tutti metodi che cozzano un po' con la visibiità di un sito.

Ho un sito che non si vede, devo rifarlo o posso metterci mano?

Dipende sempre dagli obiettivi, se un sito non si vede può essere strategico se le finalità iniziali sono state altre o può essere per delle lacune tecniche pratiche. Se chi ci ha fatto il sito è un professionista, ha anche la soluzione, ma se il lavoro iniziale era semplicemente economico, la risposta è un po' scontata: conviene rifare tutto da zero. La nostra posizione è un po' questa, perché il nostro motto ci impone di arrivare agli obiettivi contrattuali prestabiliti, e per farlo vogliamo avere il massimo controllo su

  • piattaforma
  • testi
  • immagini
  • visione strategica d'insieme

Se un cliente si affida ad amdweb, ha un contratto dove insieme vengono scritti obiettivi e tempistiche, si studia un progetto e si cerca di attuarlo. Tutto scritto, nessuna promessa irraggiungibile. Per questo quando si fa un sito si deve sempre avere una chiara strategia, e una tempistica di realizzo perché poi si è costretti a rifare e se abbiamo speso male nello step iniziale, tanto o poco, sono soldi che buttiamo perché siamo costretti a rifare. Difficile, anche se il sistema usato è qualche cms open source, che una nuova agenzia web metta mano su lavori iniziati e gestiti da altri, e se lo fa, è chiara e non si prende responsabilità.

A tutto questo, non possiamo non associare una brutta figura, perché se abbiamo un sito che non di vede, significa che

  • non ha testi curati
  • non ha una struttura tecnica curata
  • non si è lavorato in chiave SEO
  • non si è lavorato nell'insieme

Questi errori, che ci crediate o meno, il cliente visitatore li coglie e li capisce, perché non trova esaustività, (fa confronti con la concorrenza, vede alternative magari curate e ben posizionate, e se ce n'è di differenza...) non sa di preciso cosa manca, ma sa che il sito non è stato curato per cui facciamo sempre attenzione al passaggio: ho un sito che non si vede, significa ho un sito fatto male e che non mi è di aiuto con i clienti, non ne trova di nuovi e mi fa fare brutta figura con chi ci entra per caso o attraverso passaparola, biglietti da visita o social network. Il sito è un continuum aziendale, ed è la nostra immagine riflessa nel web. Non dimentichiamolo mai.

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 21/05/2013 12:38:17
L'ultimo aggiornamento: 29/05/2017 12:02:00
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

Ottimizzazione siti aziendale per rendere il sito uno strumento di lavoro...
leggi..
28/09/2018
Perché il servizio amdweb con yost.technology è così innovativo?
leggi..
16/10/2018
gestione e servizi hosting
leggi..
09/12/2018
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology