In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

Perché tutti insegnano il web marketing?

La moda del momento è parlare di web marketing, tanto che tutti cercano di insegnarlo, banalizzando e pubblicizzando concetti molto complessi e molto delicati che non possono essere pane quotidiano, ma devono essere vissuti, interpretati e assorbiti centellinandoli e traducendoli in contesti reali. Perché tutti insegnano il web marketing? Perché fa tendenza e fa chic parlare di corsi di web marketing come dà un certo tono chi si presenta come un esperto perché ha fatto diversi corsi.

Il nocciolo della questione, però, che molti dimenticano di dire, è che un corso di web marketing, magari di poche ore o acquistato on line a poche decine di euro, serve a poco (non fate confusione, non è spendere di più il problema, è l'argomento delicato e complesso quindi o si fa un corso quasi universitario per avere un inizio di base, o servono a poco) perché l'argomento deve sempre essere contestualizzato e deve sempre avere una conoscenza di base assodata che permetta di comprendere.
Chi fa il panettiere, chi fa l'avvocato, chi fa il medico o chi ha un'auto officina che conoscenza ha di base per partire e iniziare un corso di web marketing?

Fare un corso di web marketing, ne vale la pena?

Crea business un corso di web marketing, e se facciamo due calcoli "con le mani", come dicono i nonni, 15/20 persone a serata, per 500/1000 euro a persona, sono fatturati interessanti. L'attestato vale il costo della carta perché non c'è valenza legale di un titolo di presenza in un corso di web marketing, visto che, anche a livello universitario, sono poche le facoltà che presentano in modo adeguato l'argomento. Non c'è un titolo di dottorato in web marketing, quindi lasciamo ad ognuno una personale interpretazione dell'utilità o meno che ha un banale corso di questo tipo.

Se associamo, poi, che il tutto molte volte si basa su un utilizzo di sistemi open source, scusateci la franchezza, siamo davanti all'inutilità assoluta.

Lavori fai da te, meglio se sono solo per hobby

Combattiamo un po' il fai da te in questo settore, perché crediamo che in ambito aziendale non sia possibile fare web marketing senza una base di consapevolezza e di approccio al mercato. Non parliamo di marketing, né di proporsi nel tradizionale dove ognuno fa emergere il proprio essere, ma parliamo di web marketing, ossia strategie da associare al mondo del virtuale e se, come succede spesso, le competenze non ci sono, non possiamo certo pensare di essere on line da soli con qualche corso serale. Ribadiamo che è un'opinione personale che difendiamo soprattutto quando abbiamo confronti diretti con aziende che non hanno benefici dal web e hanno tentato con questi approcci molto discutibili.

Vediamo lo stesso scenario in ambito medico, perché nessuno fa corsi per operare? Perché non si insegna il fai da te in ambito chirurgico? Molti penseranno che questo esempio è fuori luogo, ma facciamo attenzione che fare del fai da te in ambito web, è aziendalmente la stessa cosa.

Si cerca di dare infarinature perché si è consapevoli che il problema di molte aziende parte già dal gestire le mail e accendere un pc, niente di strano, non c'è da stupirsi perché molte aziende fatto tutt'altro per vivere, ma questo non giustifica il dar loro l'illusione di poter fare in poche ore, da soli, siti o strategie di mercato nel web.

C'è teoria, c'è pratica e c'è la teoria applicata alla pratica. Se un team di professionisti a volte non riesce, per svariate ragioni, a raggiungere gli obiettivi che ci si è dato con un progetto, come possiamo pensare di insegnare a chi non ha dimestichezza nel web, il web marketing?

Cosa propone un corso di web marketing?

Da una parte chi si informa deve essere consapevole che sta spendendo, perché già parlare di investimento ci sembra azzardato, per avvicinarsi ad un mondo complesso, dall'altra ci dovrebbe essere maggior chiarezza da parte di chi si propone per questi corsi perché dovrebbe essere evidente che non possono dare autonomia a chi li segue.

Il punto da analizzare, se pensiamo di avvicinarci al web è di aver chiaro cosa vogliamo, obiettivi e tempi perché questa consapevolezza ci permette di capire fin da subito quanto è compesso arrivare agli obiettivi e soprattutto quanto è costoso in termini di risorse umane ed economiche.

Serve personale competente per analizzare prospettive e costi, tempi e modi; stiamo attenti a chi costa meno e a chi è vago in questi prospetti, poi, non dimentichiamo di scrivere quanto ci è promesso, perché all'inizio sono tutti bravi a parlare.

Se l'obiettivo, invece, è essere on line giusto per avere un sito, per mettere i nostri riferimenti il discorso è diverso e lì possiamo pensare di spendere il meno possibile.

Quello che costa di un sito è la visibilità perché implica una serie di lavori pre e post produzione molto delicati e concettuali che partono da una concezione tecnica del sito ottimizzata per i motori di ricerca per arrivare a concepire nella stessa ottica, testi, immagini e contenuti vari. Di un sito non costa il fatto che i collegamenti alle pagine funzionano, né istallare un template grafico. È tutta una parte concettuale che costa, cosa che nessuno spiega nei corsi di web marketing.

Difficile parlare di certi argomenti con un corso base di web marketing in primis perché è scomodo, poi, perché servono dati alla mano che confermino quanto si dice, quindi meglio affrontare tematiche legate al come fare fisicamente delle cose piuttosto che parlare di come far funzionare un sito. Poi, diciamolo apertamente, chi insegnerebbe un mestiere a poche centinaia di euro?

Non vogliamo dire di non farli, ma piuttosto di prestare attenzione, di capire bene le finalità di quello che si sta facendo per evitare di spendere male e di fare un corso e di trovarsi a saperne meno di quanto si è iniziato o di avere solo nozioni meccaniche di costruzione o di customizzazione di piattaforme esistenti, genialità di chi le studia all'università in un contesto teorico, e non si rende conto di quanto sono limitate in ambito aziendale.

Attenzione a slogan fuorvianti

  • Fare soldi con un sito,
  • Arriva a nuovi clienti in pochi click,
  • Impara a scrivere nel web

sono slogan accattivanti che funzionano solo per chi li vende. Se fosse così facile perché c'è chi chiede 300/500 euro per fare una pagina di un sito? Perché una pagina di un sito, nelle prime posizioni di google, che propone un acquisto diretto magari di un prodotto che ci permette di guadagnare parecchio, è lecito costi molto.
Se con poche decine di euro si potesse davvero fare un sito che funziona, perché non ce ne sono così tanti in rete? Dobbiamo fare attenzione e spendere con saggezza i nostri soldi, stesso criterio con cui chiediamo di prendere in considerazione i nostri prodotti ad un cliente che ci viene a trovare in negozio o ci chiede un qualcosa in quello che facciamo, perché nel nostro settore siamo consapevoli di cosa serve e di come fare. Il web, il sito, il web marketing richiedono competenza, studio, confronti ed esperienza.

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 24/02/2014 21:33:06
L'ultimo aggiornamento: 04/07/2017 14:17:19
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology