In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

I costi di un cms open source

Serve una doverosa premessa, serve chiarire che quanto scritto in questa pagina è opinione personale, un punto di vista, una riflessione che cercheremo di fare nel modo più obiettivo possibile, ma il tutto resta una nostra opinione ed un nostro punto di vista.

Sono tante le aziende che fanno siti e propongono solo soluzioni open source, per varie ragioni certo, ma soprattutto perché è comodo guadagnare senza fare nulla, proponendo parti tecniche per fare siti che non implicano nessun lavoro e nessuna responsabilità.

Noi per primi abbiamo iniziato l'avventura del web con joomla, si usava la primissima versione, studiata all'università, mentre si aspettava con ansia un importante aggiornamento, l'aggiornamento alla 1.5, una bomba per i più esperti, un qualcosa di molto professionale.

C'è stato molto entusiasmo nei primi mesi un po' per "passare l'esame" un po' perché si cercava di capire quanto potesse essere valido il sistema, condizionati proprio dal fatto che tante persone lo usavano (e lo usano).

Il tempo è galantuomo!

Poco dopo esce un nuovo aggiornamento, una miglioria che si consiglia di istallare con tempestività per motivi di sicurezza e anche questo aspetto può avere due punti di vista

Aspetti positivi del cms open source

ci sono aggiornamenti
si lavora per un progetto sicuro
 
Aspetti negativi del cms open source

ci sono falle
serve tempo per fare gli aggiornamenti

Lecito chiedersi tutto quando si parte, soprattutto se si pensa di fare del web un mestiere. L'approccio positivo è proprio il sapere che ci sono persone che lavorano sulla piattaforma, l'aspetto negativo è che non sempre si possono organizzare o pianificare gli aggiornamenti perché sono improvvisi (quali sono, quindi, i costi di un cms open source?).

Quali sono i costi (reali) dei cms open source?

Usare un cms open source significa acquistare un dominio e istallare un applicativo al suo interno che non ha alcun costo se non il tempo tecnico di farlo (15 minuti al massimo). Negli ultimi mesi tutti i gestori di hosting hanno automatizzato i sistemi per avere l'istallazione in pochi secondi, qualcuno addirittura già con il settaggio del database.

Nessun costo aggiuntivo, sia chiaro, con il costo del dominio, che varia da circa 50 euro a 150 euro si ha la piattaforma di base pronta in poche ore per essere operativa. Se un cliente ha i contenuti, si è on line in un paio di giorni (per scommessa anche in un paio di ore, ma meglio non far sapere a nessuno che un sito si setta in pochi minuti e si pubblic,a perché altrimenti come si giustificano migliaia di euro di costo?).

Serve qualche personalizzazione? si trovano molti plugin, spesso gratuiti, che diverse aziende sviluppano fornendo in genere una versione gratuita con servizi limitati e una versione a pagamento, con funzioni avanzate.

Normale che il pensiero di fare siti colpisca ogni studente (è una materia che si deve comunque studiare e fare il tutto non ha costi) e permetta a quelli più intraprendenti di aprire partita iva e lavorare, magari con l'idea di pagarsi gli studi: un sito si mette on line in un attimo, c'è una comunità di persone che lavora per aggiornare il tutto e il cliente fornisce i contenuti... del resto i costi di un cms open source sono nulli quindi ogni centesimo che si chiede è guadagno...

Bello, interessante ma...

Aggiornamenti, aggiornamenti, aggiornamenti

Costi dei cms open source

Ecco una newsletter di joomla, newsletter che tutti possono ricevere, dove si parla di un nuovo aggiornamento importante che apporta circa 50 correzioni per cui è importante procedere all'aggiornamento di tutte le versioni di joomla.

Aggiornamenti tecnici in un sito significa tempo, tempo significa denaro. Chi paga?

Altro aspetto divertente (adesso, con il senno del poi): ogni aggiornamento riporta la versione di joomla alla versione originale, quindi se si fanno lavori sul codice sorgente sono da rifare; se si è sviluppato qualcosa, serve controllare se funziona correttamente, se si usano plugin gratuiti non sempre si hanno aggiornamenti tempestivi e tutto questo rende meno sicuro il progetto nel suo insieme.

Quanto è sicuro un cms open source non aggiornato?
Praticamente quanto è sicuro mettere acqua in uno scolabrodo! Siamo sicuri che non resta nulla!

L'anno universitario ha visto uscire circa 27 grandi aggiornamenti del sistema cosa che destabilizza non poco il preventivo di un lavoro per un'azienda senza notare che, un semplice servizio hosting è davvero limitato per "far girare" un progetto open source.

Ogni aggiornamento chiede un back up per evitare disservizi, l'istallazione, il controllo dell'insieme. In genere mezz'ora di lavoro senza intoppi, intoppi che ci sono sempre, purtroppo. Diventa importante, quindi, capire che un cms gratuito non è vero che non ha costi di gestione e non è sempre vero che è la miglior soluzione per le aziende.

Non a caso la premessa generale che abbiamo fatto parla di punto di vista personale, ma spendere per un progetto che

  • non ha controllo
  • è complesso da personalizzare
  • è poco sicuro

non ci è sembrata una soluzione ideale da proporre alle aziende, ma abbiamo sviluppato una nostra soluzione, yost.technology, perché riteniamo importante dare assistenza tecnica con tempestività, costi chiari nel tempo e prospettiva di personalizzazione quando si parla di sito aziendale.

Quanto costa realmente usare un sistema cms open source?

Se il sito è medio piccolo e si usano solo le versioni di base del cms i costi sono contenuti, ma sia chiaro che ci sono; se si usa un cms gratuito per un progetto aziendale strutturato, meglio fare un prospetto nei 3/5/8 anni per rendersi conto che, forse, un lavoro personalizzato ha costi minori.

Attenzione che comunque un cliente paga anche lo start up, non è che viene regalato... sentiamo clienti che hanno speso migliaia di euro per un lavoro che di fondo ha richiesto qualche ora al massimo di lavoro ... quindi le considerazioni da fare sono molte.

  • Costa niente l'attivazione ma si paga
  • La sicurezza è un rebus
  • Le personalizzazioni sono complesse e costose da gestire
  • La velocità del progetto è un'altra cosa!

Se qualche anno fa un sito era fatto e si lasciava on line per mesi senza toccarlo, anche per anni, adesso con l'utilizzo dei social il lavoro deve essere costante e la piattaforma deve essere STRUMENTO DI LAVORO quindi serve molta cautela nella scelta soprattutto se serve l'affiancamento di uno staff tecnico. Normale che un autodidatta scelga la strada più comoda e l'investimento minore, ma un'azienda deve ponderare la spesa e proiettarla nel medio lungo termine.

amdweb nei servizi cerca di essere chiara su

  • tempi di attivazione piattaforma
  • tempi di eventuali sviluppi, che si definiscono di volta in volta
  • costi di start up, costi di gestione

 

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 26/07/2017 08:27:08
L'ultimo aggiornamento: 27/07/2017 17:20:52
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

Ottimizzazione siti aziendale per rendere il sito uno strumento di lavoro...
leggi..
28/09/2018
Perché il servizio amdweb con yost.technology è così innovativo?
leggi..
16/10/2018
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology