Come difendersi dai falsi professionisti del web

Per chi si avvicina al web senza esperienza non è facile fare delle scelte, non è facile vedere nel sito uno strumento di lavoro e non è facile capire come difendersi dai falsi professionisti del web. Si legge di tutto e tutti sembrano essere la soluzione, la miglior soluzione ma i siti spesso si dimostrano un flop che fa perdere tempo e soldi alle aziende. Come difendersi allora, dai falsi professionisti del web?

Sembrano aforismi, ma i falsi esperti

  • Banalizzano ogni aspetto della realizzazione
  • Pensano solo al sito, chiedono idee e contenuti (non parlano di strategie)
  • Per loro è tutto facile
  • Hanno una soluzione scontata
  • Nessuna analisi di mercato
  • Hanno prezzi spesso popolari (perché si fa presto)
  • Nessun contratto, con la scusa di non vincolare il cliente
  • Nessun programma
  • Nessuna prospettiva, né di crescita, né di proiezione

un professionista spiega e sceglie il meglio, un improvvisato rende tutto banale e facile

I falsi professionisti del web fanno un sito in poche ore e hanno finito il loro lavoro!

Per i falsi professionisti del web, la presenza nel web si limita ad essere online con un sito scolastico. Una buona parte sono studenti universitari, conoscono joomla per un esame e dispensano nozioni al mondo intero, ma non sanno né di SEO, né di posizionamento, o almeno li conoscono per definizione ma niente di più e hanno la presunzione di prendere in mano un'azienda e metterla online, "sperando" cambi qualcosa, ma sono consapevoli che la presenza nel web non può essere così banalizzata.

Un sito necessita di visite, nuove visite, deve portare nuovi clienti perché se il sito parla a chi già conosce l'azienda, che senso ha? Se il feedback che ci aspettiamo è dai nostri clienti, che investimento stiamo facendo?

Come può un'azienda testare e rendersi conto di chi ha davanti nel contesto consulenziale e web?

Un aspetto importante di partenza, per chi vuole entrare nel mondo del web è proprio capire a chi affidare a sua immagine, a chi affidare il lavoro e spesso è il primo grande errore che si commette. Da fuori sembriamo tutti uguali, tutti bravi a parlare ma in pochi coerenti e corretti da stilare un contratto e mettere in chiaro obiettivi e tempi per raggiungerli.

... il loro sito?

Altro step da analizzare è il sito di chi scegliamo come partner, perché se scarno e se trovato online con ppc o attraverso amici, dovremmo un po' dubitare delle competenze sul posizionamento (ci sa poi spiegare bene la differenza di posizionare un sito e di indicizzare un sito?). Non è facile giudicare un'azienda da come fa altri lavori, perché dovremmo capirne sempre le strategie che caratterizzano il sito, ma un'azienda che fa siti, DEVE essere trovata online con una cerca facilità. (come può altrimenti fare il nostro posizionamento?). Altro piccolo aiuto a scegliere, il nostro sito non deve essere trovato con il nome del dominio che decidiamo di comperare, ma con una serie di ricerche coerenti con il lavoro che stiamo facendo, che non sempre rispecchia il nome. Non facciamoci abbindolare da questo passaggio, perché non è essere posizionati!

Consigliamo massima chiarezza su due macro aspetti il primo tecnico strategico, il secondo economico. Ne parleremo spesso, perché sono questioni molto delicate che influiscono sul lavoro finale. Consigliamo di affrontare sempre e con estrema consapevolezza, almeno concettuale, ogni passaggio per scegliere il meglio e investire nella presenza aziendale con cognizione di causa.

Aspetti tecnico strategici di un sito | amdweb.it

Aspetti tecnico strategici per realizzare un sito
  • Progetto iniziale (obiettivi, aspettative, fattibilità, tempi, progress)
  • Scelta tecnica (costi nel medio lungo termine, vantaggi e differenze)
  • Realizzazione contenuti (Progetto comunicativo, progetto redazionale e stesura testi)
  • Post messa in rete (tutti gli aspetti che fanno trovare/lavorare il sito)
Aspetti economici di un sito aziendale | amdweb.it

Aspetti economici: i costi di un sito
  • Costi tecnici (piattaforma, dominio, certificati ssl, personalizzazioni e assistenza)
  • Costi realizzativi (progetti, foto, inserimento contenuti e immagini)
  • Costi grafici (grafica desktop, mobile, immagine coordinata)
  • Costi pubblicitari (come far trovare il sito? ppc, social, seo, mail marketing?)

Le competenze dello staff, web marketing e seo in pole position

Un punto centrale al lavoro è chiarire le competenze dello staff che ci segue, e chiarire le singole competenze. Difficile per una persona fare tutto, perché

  • Chi scrive i testi?
  • Chi scrive il codice del sito?
  • Chi fa la grafica?
  • Chi posiziona il sito?
  • Chi studia la concorrenza?
  • Chi fa la strategia?

Sono solo alcuni spunti di partenza, ma una sola persona può fare tutto? Chiaro che uno staff è avvantaggiato, si può confrontare, può valutare molti punti di vista e può scegliere la soluzione migliore, non tanto sotto un aspetto estetico ma con il giusto mix strategico, che aiuti il sito a finalizzare gli obiettivi. Se parliamo di un lavoro aziendale, se parliamo a professionisti, aziende o enti, dobbiamo pensare ad un sito come un mezzo per comunicare e per crescere.

  • Nessun lavoro preconfezionato
  • Nessun template standard generato da software
  • Ogni passaggio studiato e ponderato
  • Testi su misura
  • Lavoro seo preciso e studiato

Come possiamo pensare che "un bravo ragazzo" possa fare tutto questo da solo?
Non si discute la persona, sia chiaro, ma si deve avere un paniere di conoscenze difficili da trovare solo in un componente.

Falsi esperti, prezzi e programmi

Un ancoraggio concreto, per rendersi conto di come difendersi dai falsi professionisti del web è senza dubbio il prezzo, ma non tanto in valore assoluto della proposta ma vista in prospettiva, vista con un programma ed un percorso di crescita.

Chiariamo subito, un sito che

  • Prevede una crescita
  • Prevede un buon posizionamento
  • Prevede esaustività nei testi
  • È cercato per trovare informazioni
  • Promuove prodotti o li vende online direttamente

non può costare 1000 euro, ma parte almeno da 4/5 mila euro e cresce in base a quanto vogliamo approfondire e a come vogliamo posizionarci. È da considerare, poi, tutto il lavoro post produzione del sito, cioè la "manutenzione", gli aggiornamenti, le newsletter, altre forme pubblicitarie, altri testi, in base a come il mercato risponde.

Anche tutto il mantenimento successivo sono costi che non possono essere sottovalutati e se vogliamo capire come difendersi dai falsi professionisti del web dobbiamo farci una visione chiara dell'insieme.

Non ci dobbiamo spaventare se un e-commerce costa 8/10 mila euro, perché se pensiamo al costo del nostro punto vendita o del nostro ufficio, capiamo subito che la presenza nel web deve seguire certi canoni qualitativi che costano e fanno la differenza.

Un errore comune di valutazione è il costo perché lo ancoriamo alle nostre possibilità e se non abbiamo i soldi in mano, non ci esponiamo nel web. Un vero esperto, però, propone un programma e propone un percorso in cui in partenza serve finanziare, poi, con il lavoro diamo benzina al sito e al progetto. Un sito deve avere dei ritorni e questo lo decidiamo noi, in base al progetto di base che facciamo.

Perché il 99% degli e-commerce è un flop e non porta a niente?

Perché si parte dal presupposto di spendere poco mentre si fanno; si hanno 1000 euro e si cerca chi fa il lavoro a quelle cifre, senza preoccuparsi di niente altro. Chi fa il lavoro, a sua volta, deve fare presto e incassare, perché se lavora più di 3 giorni, i 1000 euro sono solo di spese!

Per forza non può funzionare, troppe cose al caso, e troppo sommarie. Il punto quindi, non è tanto difendersi da chi ci prende in giro, ma anche di capire bene e con chiarezza cosa chiedere, perché se si chiede un sito e-commerce, e non si specifica altro, chi fa il lavoro non da per scontato che deve essere trovato, né che ci serve per vivere; si fa un e-commerce e si mette online (facile pure sia chiesto al cliente di fare testi e inserire i prodotti): uno sperpero annunciato, un insuccesso sicuro.

Impariamo a capire bene cosa serve, farci un'idea di fondo su quello che vogliamo dal sito, solo così capiamo bene come difendersi dai falsi professionisti del web!

Ultimo Aggiornamento:05/06/2022 17:17:36
Condividi nelle tue pagine Social
I nostri servizi

  • yost.technology è la nostra piattaforma tecnica, il servizio che proponiamo per fare siti aziendali, blog o siti e-commerce (Non è una piattaforma Open source)
  • lanewsletter.net è il servizio che proponiamo per creare newsletter aziendali
  • smtp dedicato il server per inviare newsletter

  • Servizio hosting solo per chi usa la nostra piattaforma e servizio mail server anche per clienti esterni alla piattaforma

Il nostro punto di partenza, il servizio Lite

Start up tecnico online in 48 ore

Ecco qualche esempio di struttura da 590 euro che con amdweb può essere operativa in 24/48 ore dall'attivazione del dominio (con materale fornito)

In evidenza

Inviare newsletter è una strategia di marketing avanzata che necessita di server dedicati e strumenti di invio...
leggi..
Lavorare nel sito un po' alla volta... concetto non facile da capire ma fondamentale per il successo.
leggi..
Quando si parla di su misura, sicuro sia tutto chiaro?
leggi..

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere offerte esclusive
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
(riceverai una mail di conferma con un link da cliccare, se la mail non arriva, controlla nello spam)

yost.technology | 04451716445