In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

Cosa serve in un sito?

Capire cosa serve in un sito è uno spunto riflessivo che facciamo, perché troppe volte, studiando soluzioni personalizzate o studiando migliorie a siti esistenti, ci accorgiamo che nei siti si dedica troppo spazio a cose inutili e troppo poco alla sostanza. Il cliente che ha un sito e cerca con google cosa serve in un sito, lo fa in genere perché si aspetta risultati che non arrivano e cerca di capire se quanto detto e quanto ha fatto (o gli hanno fatto) trova un riscontro concreto con quello che serve veramente avere in un sito. Vediamo per esempio:

Cosa serve davvero in un sito? quali sono le cose da mettere e le cose inutili in un sito?

Chi fa siti spesso omette di dare chiare informazioni su cosa serve in un sito, perché spesso fa comodo fare solo un lavoro tecnico, senza lavorare su aspetti concettuali, che portano visite e accessi, anzi, tante volte, si chiede al cliente cosa fare per essere certi di soddisfarlo e di potersi difendere in caso di insuccesso; dall'altra parte, però, anche chi commissiona, a volte, preferisce non sentire o semplicemente adotta la strada del risparmio, ignaro del triste destino pieno di solitudine virtuale che lo aspetta perché, ricordiamolo sempre, un sito senza accessi non ha senso di esistere.
Non si tratta di capire chi ha colpe, ma di trovare la soluzione migliore per risolvere il problema e dare visibilità al progetto, partendo dal presupposto di fare ciò che serve e farlo bene!

Perché facciamo un sito?

Il punto di partenza, in questa riflessione, è capire perché si fa un sito, cosa apparentemente ovvia ma misteriosa per la maggior parte dei siti che si analizzano, tanto da chiederci spesso se è così chiaro cosa serve in un sito (per renderlo realmente uno strumento di lavoro).
Definire gli obiettivi che vogliamo raggiungere con il sito è molto importante perché ci permette un'analisi strategica concreta e ci permette di capire se sarà possibile arrivare concretamente a dei risultati. Se il fine aziendale è avere delle pagine per i già clienti il lavoro è molto semplice e non ha senso investire, se il fine è farsi trovare serve tutt'altro lavoro.

Chiediamoci spesso perché facciamo un sito perché la risposta che ci diamo ci aiuta a capire concretamente cosa serve in un sito

Premessa: a chi ci rivolagiamo con questo testo?

Parlando di cosa serve in un sito, ci rivolgiamo a chi ha esigenze commerciali, soprattutto commerciali, perché un sito personale non vuole visibilità naturale, ma l'azienda, l'azienda deve essere trovata e deve dare un servizio partendo dall'aver chiaro cosa serve in un sito e cosa non serve affatto.

Che informazioni diamo al cliente che ci visita nel web?

Spesso nel sito non si dice nulla (non si parla dell'azienda né si parla di quello che fa o di cosa propone), addirittura si fanno titoli che danno per scontato che il cliente non solo sappia di cosa si parla, ma ne sia anche esperto, pochi slogan e si aspetta la "manna dal cielo"; forse si è stati mal indirizzati, forse mal istruiti per questo cerchiamo di evidenziare in questa pagina un semplice concetto: cosa serve realmente in un sito?

Tralasciamo gli aspetti tecnici, diamo per scontato che si scelga un progetto su misura piuttosto che preconfezionati o gratuiti, ma vediamo proprio l'aspetto concettuale del messaggio che mandiamo con il sito.

Cose che servono in un sito

Dal progetto web un cliente, un nuovo cliente, dovrebbe farsi un'adeguata idea del chi siamo e del cosa facciamo partendo dal presupposto che non ci conosce, non conosce i nostri modi, i nostri prodotti e le nostre eccellenze o servizi.
Il primo step che dobbiamo analizzare in un sito sono proprio queste informazioni, partendo dal presupposto che noi conosciamo la nostra storia quindi dobbiamo capire cosa stiamo trasmettendo di quest'ultima al cliente finale. Non diciamo di parlare del nostro percorso formativo, ma di dare delle informazioni di base su quello che offriamo.

Se proponiamo dei prodotti, se vendiamo qualcosa, dalle descrizioni che facciamo/proponiamo nel sito, è chiaro cosa stiamo facendo? Se anche è vero che il cliente, che per esempio cerca un'affettatrice, conosce tutto del prodotto, ricordiamoci che per essere trovati con google dobbiamo segnalare anche a google, con dei testi fatti bene, quello che proponiamo e, non dimentichiamolo mai, che anche chi pensa di conoscere il prodotto, cerca conferme nelle descrizioni che facciamo.

Non partiamo mai dal presupposto che un cliente sappia tutto di quello che cerca ma, anzi, partiamo dal presupposto di dare una consulenza e di spiegare in modo chiaro cosa vendiamo proprio a chi non sa nulla, mal che vada daremo conferme, mal che vada confermiamo e rafforziamo le certezze che ha il cliente.
Immaginiamo di leggere ad un cliente che arriva in negozio una descrizione che abbiamo nel sito: quale sarebbe il risultato?

Il discorso diventa più ampio se vediamo nel web un mezzo per arrivare a clienti nuovi, quindi diventa fondamentale essere diretti e chiari, da qui l'importanza di capire cosa serve realmente nel sito e cosa può essere omesso.

Il sito è un faccia a faccia virtuale, un cliente che arriva in negozio è di solito coccolato, è seguito ed aiutato nel scelgliere: lo facciamo anche nel sito? O pensiamo piuttosto a grafiche accattivanti e slogan "da stadio"? Cosa serve in un sito per aiutare il cliente ad avere la sua consulenza o fare il suo miglior acquisto?

Cosa serve in un sito? quali sono le cose da mettere e le cose inutili in un sito?

Quanto naviga un cliente in un sito?

Fare una statistica corretta non è facile, ma di certo un cliente naviga finché ha motivo di farlo. Non dimentichiamo che c'è concorrenza e ci sono molte alternative. Se a domanda precisa trova risposta aleatoria, un cliente è facile esca e faccia altrove le sue ricerche, uscendo proprio con la stessa facilità con cui è entrato; se un cliente arriva nel nostro sito con una ricerca precisa e trova una risposta precisa è facile legga e approfondisca i suoi interessi. Di certo dipende da settore a settore, ma la sostanza è un punto molto importante su cui riflettere, perché è un punto importante che serve in un sito.

Noi stessi siamo in primis clienti e navigatori e, come tali, siamo molto poco pazienti, tutti i nostri confronti con clienti e/o visitatoti, inoltre, confermano questa regola: cerchiamo e vogliamo risposte precise non slogan o massime generali.

Il rimbalzo è il primo indice di poco gradimento, facciamo attenzione al PPC

Se facciamo in un sito della pubblicità a pagamento e non curiamo bene l'arrivo del cliente, cioè la pagina in cui vogliamo farlo arrivare, rischiamo molti rimbalzi ossia uscite istantanee del cliente che, detta semplice, cerca mele e trova pere, clicca pensando di trovare la risposta, entra ed esce senza altri click. Dovebbre essere chiaro cosa serve in un sito se impariamo a guardarlo spogliati della nostra esperienza e da clienti "normali", cercando di cogliere il messaggio che mandiamo e cercando di capire se quel che siamo nel reale, comparato a quello che sembriamo essere dal sito, almeno si avvicinano.

Se siamo entità distanti, non è ancora chiaro cosa serve in un sito!

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 03/09/2014 16:27:06
L'ultimo aggiornamento: 10/04/2017 10:19:15
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

Scopri il servizio amdweb per essere on line con la tua azienda...
leggi..
30/08/2012
Come può chi non conosce l'azienda, capire cosa offre senza una comunicazione adeguata?
leggi..
14/04/2018
perché è importante la comunicazione in un sito
leggi..
07/05/2018
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology