Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.

Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni

Cliccando su “Ok, ho capito” acconsenti all’uso dei cookie [OK, ho capito]

Benvenuto login

Perché un sito necessita di un progetto?

Quando la presenza on line vuole essere importante perché vuole rispecchiare anni di sacrifici, di studi e sviluppi evolutivi dell'azienda è fondamentale parlare di progetto perché niente deve dare il senso di casuale.

Il progetto iniziale è un aspetto strategico importante perché

  • Permette di definire un binario di lavoro
  • Permette di testare l'esperienza della web agency
  • Permette di definire costi e tempi di lavoro
  • Permette di far capire a chi spende passaggi, tempi e impegno

La prima obiezione che viene fatta dal cliente, che non vede necessario questo step o lo interpreta come un spesa evitabile, è che comunque l'esperieza dell'azienda che segue il sito dovrebbe essere sufficiente e sembra superfluo analizzare ad esempio step di registrazione, come si vuole iniziare l'impaginazione del sito o degli argomenti che si trattano: anzi la prima considerazione è di solito un invito a gestire "come si fa di solito" o " fate come avete sempre fatto"ma, ribadiamo, per un sito importante, per capire costi e metodi di lavoro, per essere on line in maniera professionale, noi si consiglia sempre un progetto iniziale.

Perché un sito necessita di un progetto?

Un'impresa edile, parte sempre da un progetto per costruire

Anche un'impresa edile che fa di mestiere abitazioni si basa sempre ad un progetto, e mai si azzarderebbe a far iniziare ad una squadra di muratori una casa come quella della settimana scorsa, senza una base progettuale studiata nel dettaglio. Il confronto sembra spesso esagerato, "ma questo è un sito, dai, non una casa" e l'obiezione nasce spesso quando non si ha chiaro cosa significa essere on line, in prospettiva e soprattutto per rappresentare un'azienda. Il sito di per se non è il sito e basta, ma tutta una serie di complementi che ci girano attorno, strategie, newsletter, presenza nei social network, posizionamento nei motori di ricerca. Il sito deve pensare a tutto questo e, come una casa, ha pavimenti di un certo tipo, caminetti e/o riscaldamento di diverse tecnologie, bagni e stanze varie, anche il sito, sopratutto se visto sotto un punto di vista aziendale, può fare la differenza con gli accessori, con le rifiniture, ma di fondo, per fare la differenza, deve essere pensato e studiato nei dettagli. Chi fa cosa e come.

La concorrenza, molta casuale, molta studiata

Un altro punto di vista, utile per capire perché un sito necessita di un progetto, è iniziare a fare un serrato confronto con le migliori concorrenze, perché il confronto che il cliente di tutti i giorni va a fare on line non è tra i peggiori siti, o tra i più lenti, ma piuttosto tra i migliori, i più performanti ed il confronto, soprattutto se si deve fare acquisti o se si necessita di informazioni, è molto severo e molto veloce: un cliente/visitatore clicca, aspetta pochi secondi e se non trova immediatamente quello che vuole esce, senza dare la seconda possibilità. Prendiamo i migliori e-commerce, ebay, Amazon sono performanti, veloci, si trova di tutto ma sono studiati e sono in costante evoluzione sia tecnica che concettuale. Se lo staff di addetti ritiene necessario un intervento, sia tecnico che concettuale, si attua subito e non si guarda tanto a quanto costa, a parte il fatto che lo staff è interno, quindi i costi ci sono sempre e comunque, ma si pensa e si proietta il lavoro per agevolare e per rendere più facile ogni potenziale operazione del visitatore. Ecco perché un sito necessita di un progetto, ecco perché non si può mai lasciare niente al caso, ecco perché anche poco alla volta, concetto di progress, ma deve essere fatto in modo impeccabile e senza sbavature.

Il confronto che il nostro cliente fa con altri siti on line, è con il meglio, con quello che il responso di Google gli presenta come primo risultato e non ci sono date tante possibilità se non abbiamo pensato al maggior numero di cose possibili. Grafica, tecnica, contenuti, tutto passa per un progetto, tutto deve essere studiato e collocato proprio dove si trova per una ragione precisa e sopratutto studiata.

Il progetto per dare un senso logico al sito

La progettazione di un sito, come del resto il progetto di una casa, serve per definire chi fa cosa, dove inserire e come testi e contenuti, come agevolare nel miglior modo possibile chi visita. Il senso logico del trovare i contenuti, la coerenza degli scritti e capire/agevolare il senso logico della successione dei contenuti, un po' il cercare di anticipare quello che il visitatore dovrebbe trovare dopo aver visionato una pagina. Questo, nel pratico, lo troviamo in quei siti che all'apparenza sono "facili", sembra sia tutto nel posto giusto, facile da trovare, facile da leggere, sembra che dietro ci sia una persona fisica che risponde in diretta, e queste situazioni si verificano quando tutto è fatto in modo ragionato e controllato.

Un altro aspetto che ci preme sottolineare, e che sempre viene evitato, è questo: il progetto mette in gioco l'azienda che fa il sito, perché sviscera, mette a nudo il lavoro che si andrà a fare e si inizia a fare anche una proiezione, cosa non facile e cosa "delicata". un discorso è mettere on line un sito, magari con i testi fatti da un cliente, con il senso logico un po' dettato da quello che piace al cliente, un discorso è mettersi in gioco, coordinare e dare indicazioni, mettere la faccia e prendersi delle responsabilità; un discorso è farsi dettare il sito e un altro discorso è dire come sarebbe meglio farlo, ovviamente spiegando perché e consigliando delle soluzioni piuttosto che altre.

Il progetto, un primo passo per fare la differenza

Certo dobbiamo fare un'ultima considerazione per chiudere il cerchio, e per far ben capire perché un sito necessita di un progetto: il progetto è legato anche ad un lavoro importante, non certo al sitino vetrina da poche migliaia di euro, si parla di progetto quando si vuole fare un lavoro impegnativo e si vuole essere estremamente professionali. Il classico sito che presenta poche pagine e serve solo per dare indicazioni logistiche, dove siamo e cosa facciamo, non necessita di studi particolari, perché per ovvie ragioni, non è un lavoro che nasce per dare particolare supporto all'azienda ma è un piccolo servizio per poter essere rintracciati dai clienti. Se parliamo di e-commerce, ci sono diversi fattori da analizzare, ma anche qui il discorso è ampio, perché non c'è ancora la mentalità di capire quanto può essere equo un investimento nella vendita on line, e non c'è la consapevolezza che il fatto di vendere on line non è solo sinonimo di avere un sito, ma conseguenza piuttosto di investimenti continui per farsi trovare e per raggiungere nuovi clienti.

Un vantaggio per vendere on line, progettare prima

L'e-commerce sarebbe il candidato ideale per un progetto, magari non così dettagliato e costoso, ma di certo uno studio sul come presentarsi al cliente non è sbagliato. Per tutto il resto, portali, o siti di profili è consigliato lavorare prima sul concettuale poi sul tecnico per avere una visione d'insieme più dettagliata e orientata al cliente finale. Del resto, parlare di portale, di siti in cui il cliente si crea un profilo o compera con una certa regolarità nell'anno, significa parlare di siti con costi impegnativi, 20/30 mila euro per cui è consigliato avere una base di progettazione dettagliata che comprende i vari aspetti del progetto: pensiamo infatti alla semplice, ironicamente semplice, gestione delle carte di credito o a pagamenti mensili di profili, che se non sono ben costruiti rischiano di dare solo disservizi e malcontenti.

il progetto del sito, un modo per risparmiare

Sembra paradossale, perché fare un progetto costa, ma se vogliamo risparmiare in prospettiva, il progetto è un punto di partenza importante. Con un progetto si risparmia, perché si inizia già sulla carta a fare una panoramica di quello che vogliamo o non vogliamo fare e questo lavoro permette di vedere prima le cose e permette di riflettere sulla fattibilità o meno di quanto stiamo pensando di fare. Ci saranno situazioni in cui emergono lacune e situazioni in cui certi investimenti saranno ponderati, spostati o eliminati perché la visione d'insieme che permette il progetto è ampia e completa. Il fattore vincente del pensare al progetto prima, è la possibilità di creare pian piano un puzzle, il sito si trasforma in un lavoro in progress che in base allo sviluppo e a quanto nel reale ci permette di guadagnare, può essere integrato a step. Non è un passaggio da sottovalutare questo, perché fare quello che serve, se serve e quando serve è senza dubbio un sistema per ponderare i costi e per spendere bene, senza dover pensare a tutto subito, fattore che spesso porta a fare cose che non servono.

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 31/08/2013 12:23:11
L'ultimo aggiornamento: 22/10/2020 11:18:40
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

Ecco qualche spunto per capire i reali costi di un sito e-commerce, costi tecnici, realizzativi e pubblicitari, poi...
leggi..
30/08/2012
Serve chiarezza prima di spendere, altrimenti poi ...
leggi..
24/04/2016
Vuoi un servizio mail professionale, controllato e sempre performante? Contattaci per un preventivo personalizzato...
leggi..
05/07/2020
Boicottiamo chi non incentiva lo sviluppo, non le aziende che investono e offrono servizi ai clienti
leggi..
21/11/2020
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology