Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.

Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni

Cliccando su “Ok, ho capito” acconsenti all’uso dei cookie [OK, ho capito]

Strategie web sbagliate

Non è facile parlare di strategie web sbagliate in un contesto molto ampio come il mondo del virtuale, ma cerchiamo di parlare, in modo molto generico, di cose che sono da tenere in considerazione quando si sceglie di essere on line a prescindere dal settore e dall'investimento che si vuole fare.

Partiamo dal presupposto che non c'è niente di giusto o di sbagliato, se alle spalle c'è consapevolezza di quello che si fa, ma nel web abbiamo visto che spesso, manca proprio una base di consapevolezza che permetta, a chi vuole essere on line, di farlo con professionalità e coerenza. Il problema è capire prima piuttosto che dopo, quando è tardi, o quando non ci sono più sufficienti risorse per sistemare perché partire con il piede sbagliato significa buttare soldi e tempo.

Strategie web sbagliate

Parliamo di strategie web sbagliate perché ci troviamo spesso ad avere confronti che fanno emergere quanto ci si è disinteressati della realizzazione del sito e quanto sia casuale tutta la presenza aziendale on line. Non si fraintenda il nostro discorso, parliamo di strategie web sbagliate per far riflettere, per far capire che il web è una risorsa solo se viene rispettato e se viene sfruttato per arrivare ad obiettivi ben definiti.

Aspetti tecnico strategici di un sito | amdweb.it

Aspetti tecnico strategici per realizzare un sito
  • Progetto iniziale (obiettivi, aspettative, fattibilità, tempi, progress)
  • Scelta tecnica (costi nel medio lungo termine, vantaggi e differenze)
  • Realizzazione contenuti (Progetto comunicativo, progetto redazionale e stesura testi)
  • Post messa in rete (tutti gli aspetti che fanno trovare/lavorare il sito)
aspetti economici di un sito | amdweb.it

Aspetti economici: i costi di un sito
  • Costi tecnici (piattaforma, dominio, certificati ssl, personalizzazioni e assistenza)
  • Costi realizzativi (progetti, foto, inserimento contenuti e immagini)
  • Costi grafici (grafica desktop, mobile, immagine coordinata)
  • Costi pubblicitari (come far trovare il sito? ppc, social, seo, mail marketing?)

Capiamo bene cosa si intende per struttura tecnica.

Il non capire bene il concetto di piattaforma di un sito, o struttura tecnica di un sito, è una prima strategia sbagliata perché la parte tecnica è l'ossatura del sito ed in base alla scelta possiamo o meno implementare nel tempo qualsiasi cosa al progetto. Ci sono molte soluzioni e di diverso impatto economico. La scelta ricade spesso su

  • Quello che costa meno
  • Quello che decide chi fa il sito (ma in base a cosa sceglie?)

Ma l'errore strategico sbagliato è non parlare bene di obiettivi con chi fa il sito, prospettive e strade per far conoscere il sito (lavoro di insieme di post produzione).

Non fidiamoci di nessuno, cerchiamo sempre di capire  aver chiare le strategie, perché siamo sempre noi i diretti responsabili del progetto

Non si tratta, come qualcuno obietta, di scegliere quello che costa di più, ma di capire pro e contro di certe soluzioni e di ponderare bene la scelta in prospettiva. Vediamo un piccolo esempio, motivo di confronto con un cliente che desidera una presenza importante senza vincoli e senza limiti.

Scegliere open source o un lavoro su misura?

Contesto: vendita on line di un prodotto nazionale, non molto conosciuto, già presente in piattaforme come eBay e Amazon.

  • Sistema open source significa: costo pari a zero (si scopre nel tempo che i costi ci sono e sono anche pesanti), customizzazione del template grafico e settaggio generale del carrello, nessun vincolo con nessuno (concetto da approfondire perché alla fine il grosso vincolo c'è con il cms e con chi l'ha gestito).
  • Sistema personalizzato, significa invece vincolo con agenzia web ma ottimizzazione completa di ogni step (tutto fatto su misura).

Il confronto apparente porta la maggior parte degli imprenditori a scegliere la prima strada ma vediamo perché sarebbe una strategia web sbagliata (non sempre corretta):

Non è assolutamente vero che non abbiamo vincoli se usiamo piattaforme o servizi open source, nessun professionista serio lavora sulle ceneri di un altro, in primis perché le strategie, intese come logiche di lavoro, sono diverse, poi, non da meno, perché se un cliente cambia significa che sono sbagliate o comunque non sono state all'altezza delle aspettative. Chi prende in mano un lavoro lo fa di solito ex novo, amdweb per scelta di professionalità e di resposnabilità non lavora su progetti di altre persone o agenzie proprio per garantire la massima efficacia dell'intervento e sottolineiamo che è un aspetto di responsabilità e di coerenza con il lavoro che va a fare. Aspetto non secondario, ci sarà sempre la vecchia agenzia responsabile di qualcosa (era già fatto così, non ho controllato tutto pensavo che almeno questo fosse fatto meglio.. sono le scuse più gettonate), perché in caso di insuccesso o di errori, la vecchia gestione o la scelta tecnica sarebbero i primi indiziati.

Il vincolo c'è sempre con chi fa il lavoro, a qualsiasi livello si decide di essere on line.

Personalizzare significa gestire e aiutare il cliente, ma come possiamo farlo se siamo vincolati da step tecnici?

Nell'esempio le strategie web sbagliate sono concettuali perché essere on line significa esserlo con chi è capace e non con chi fa il lavoro con la scusa di non vincolarci, anzi vediamola ancora più sottile: se si lavora per "non vincolare", significa che non si è in grado di fare la differenza, allora è giusto pagare chi costa meno. Il punto cruciale non è quanto si spende ma quanto fa guadagnare il sito e se il vincolo è chiaro è un punto di forza non un limite.

Una strategia vincente è capire se chi fa il sito è capace di andare oltre al sito, mostrandoci la strada per nuove prospettive di crescita e di sviluppo. Fare un sito e basta è una delle strategie web più sbagliate.

La scelta tecnica è uno dei passaggi cruciali per essere on line e capire cosa viene proposto è una strategia che non si deve sottovalutare.

amdweb propone un servizio esclusivo, prodotto dallo staff, curato dallo staff, con assistenza tecnica sempre compresa nel prezzo e con la possibilità di avere implementazioni personalizzate. Il servizio amdweb è esclusivo ed è un lavoro fatto perché

  • I cms gratuiti sono nel tempo lenti e poco sicuri complessi da personalizzare e costosi
  • Il su misura è costoso ed è per questo complicato proporlo alla media impresa (un sito e-commerce costa almeno 35 mila euro)

yost.technology è la nostra soluzione, il punto di partenza, con tutto quello che un sito deve avere e non può non avere per essere on line!

Capiamo bene il concetto di visibile (Indicizzazione? Posizionamento?)

Per capire bene il concetto di visibilità proviamo a fare delle ricerche con Google. Se il nostro sito non appare cercando l'argomento che trattiamo, non siamo visibili. Facciamo la stessa cosa sul lavoro dell'agenzia che ci segue (o dovrebbe farlo).

  • Essere visibili significa essere trovati, non tanto cercando il nome del sito ma piuttosto il concetto di servizio e di lavoro che proponiamo.
  • Visibilità significa accessi, nuovi clienti, nuove vendite e non parlare a chi già ci conosce.
  • Una piattaforma sbagliata compromette la visibilità del sito
  • Una scelta comunicativa sbagliata o non adeguatamente curata compromette la visibilitò del sito
  • Un sito lento, compromette la visibilità del sito (anche se l'utente lo trova, scappa davanti ad un sito troppo lento)

La visibilità ha tante forme e sfaccettature, può essere legata a profili social, altre piattaforme o altri canali. La strategia vincente per dare senso compiuto alla visibilità di un sito è riuscire a coordinare bene l'insieme e il messaggio che mandiamo. Coordinare bene i prezzi tra le varie piattaforme e riuscire ad accentrare sempre quello che facciamo con l'azienda e non con lo strumento di vendita. Troppe volte piattaforme diverse hanno prezzi diversi e questo da una parte è spiegabile per le differenti provvigioni che il venditore paga ma dall'altra non spiega un passaggio: come si può difendere da questo disservizio il cliente? Dove compera con più convenienza? Diversificare in base alle piattaforme è una grave lacuna strategica.

Per capire la seo è importante capire chi sono gli attori interessati e capire il loro ruolo, quindi

  • Il cliente finale che usa i motori di ricerca quando ha bisogno di qualcosa e cerca soluzioni, servizi, prodotti on line
  • Google, il motore di ricerca per eccellenza, che è l'intermediario che analizza quanto cerca il cliente e propone due tipologie di risultato, una a pagamento, con la dicitura annuncio e dei risultati "Naturali", quelli che rispondono al meglio alle richieste fatte dal cliente. Il compito di Google o dei motori di ricerca è quello di selezionare le migliori risposte in base a specifiche domande (processo di indicizzazione)
  • L'azienda che si deve proporre e deve diventare attraverso i suoi contenuti la miglior risposta possibile per il cliente finale (a determinare il successo dell'azienda è in primis il motore di ricerca che indicizza il sito, poi il cliente che con tempi di accesso o interazioni, conferma al motore di ricerca l'eccellenza del risultato)
  • La web agency che deve coordinare il tutto; deve preparare un sito veloce, deve controllare, scrivere o correggere i testi, deve aiutare il processo di indicizzazione portando il sito ad un posizionamento

Serve inoltre fare attenzione e chiarire concetti cardine come

  • Indicizzazione: procedura che fanno i motori di ricerca per catalogare i siti rispetto a parametri interni. Nessun costo
  • Posizionamento: lavoro che aiuta l'indicizzazione (stesura testi e relativa ottimizzazione seo). Procedura costosa soprattutto per la stesura dei testi e l'analisi dei testi da scrivere (programma redazionale)

Capiamo bene le reali possibilità che ci offre il web

Quando parliamo di reali possibilità che offre il web parliamo di una serie di strumenti come newsletter, sms, applicazioni che ci permettono di fidelizzare il cliente e creare un movimento di passaparola che porti nuovi utenti e nuove visite al sito principale. Le reali possibilità che offre il web sono un vero legame con il cliente, che ci trova, comunica, è informato su quello che facciamo senza per forza continuare a passare in negozio. Siamo sempre legati al punto precedente, ma un grave errore strategico è vedere il sito a settori scoordinati e farlo o concepirlo a step senza coordinare il lavoro. Tutto è legato per avere senso e coerenza e se pensiamo al sito, al posizionamento, alla stesura testi e alle strategie come settori distinti, facciamo un errore strategico in partenza.

La scelta del partner è spesso un errore strategico

Sono tante le agenzie web che si propongono per fare il sito ma ci indicano altri per il posizionamento: è un doppio errore strategico, piattaforma e posizionamento vanno pari passo, e chi fa il lavoro non è un partner ideale.

Altro piccolo spunto: Abbiamo parlato di obiettivi? perché se non abbiamo chiarito gli obiettivi fin dall'inizio, tutto questo discorso è inutile. La riflessione finale, su obiettivi e aspettative è volutamente nella parte finale del nostro ragionamento, per evidenziare un piccolo particolare: serve avere chiarezza e serve capire che per fare un sito si parte da altri ingredienti più concettuali che pratici che mescolandosi danno vita ad un sito!

Altro spunto: canali diversi prezzi diversi?

Ultimo aggiornamento della pagina: 01/12/2021 12:31:25
Condividi nelle tue pagine Social
I nostri servizi

  • yost.technology è la nostra piattaforma tecnica, piattaforma che proponiamo per fare siti aziendali, blog o siti e-commerce (Non è una piattaforma Open source)
  • lanewsletter.net è il servizio che proponiamo per inviare newsletter aziendali, con smtp dedicato sempre gestito dal nostro staff

  • Servizi Lite il nostro punto di partenza, essenziale adatto a chi sta per iniziare l'esperienza nel web e vuole conoscere il contesto prima di lasciarsi andare
  • Servizi Start Up sono servizi traghettatori, adatti a chi ha esperienza e sta scoprendo le potenzialità del web
  • Servizi Advanced sono servizi personalizzati, adatti a chi ha le idee chiare e vuole il meglio dal web
  • Servizio Newsletter con smtp dedicato e servizio mail server. Il servizio hosting è solo per la nostra piattaforma

Devi iniziare? ecco i servizi Lite

Start up tecnico online in 48 ore

Ecco qualche esempio di struttura da 590 euro che con amdweb può essere operativa in 24/48 ore dall'attivazione del dominio (con materale fornito)

In evidenza

Lavorare nel sito un po' alla volta... concetto non facile da capire ma fondamentale per il successo.
leggi..
24/07/2017
Qualche approfondimento sul nostro servizio
leggi..
18/12/2021
Inizia a vendere on line…
leggi..
18/12/2021
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology