In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

Strategie di visibilità

Le strategie di visibilità sono un aspetto del sito web che lascia sempre molto perplessi. Si nomina la SEO, l'indicizzazione, gli aspetti tecnici che aiutano il sito ad essere performante, ma in realtà il concetto di visibilità è così ampio che ogni angolazione da cui lo guardiamo propone sempre diverse e personali alternative/interpretazioni. Parlare di strategie di visibilità significa, innanzitutto, concepire il sito sempre in progress, ci spiace per chi vede il sito come un qualcosa di statico che si fa una volta ed è finito il lavoro e, allo stesso tempo, parlare di strategie di visibilità significa parlare di una serie di analisi che richiamano

  • clienti
  • competitors
  • mercato

Non è facile trattare la visibilità nel web in primis per il diretto interessato, cioè google, perché è una "macchina" che con dei parametri uguali per tutti, analizza meccanicamente i siti, senza possibilità di interpretare o di capire, quindi noteremo che parlare di un argomento al singolare o al plurale spesso ci porta a pagine e siti diversi; poi perché, un grosso parametro che destabilizza la ricerca, lo determina proprio il modo che ha il cliente di cercare quello che gli serve o gli interessa. Non c'è un aspetto giusto o sbagliato, ogni cosa però deve avere un senso e avere una precisa collocazione.
Per fare un esempio concreto, non possiamo parlare di visibilità quando scriviamo pagine con "azienda", "chi siamo", "cosa facciamo" se non sono correttamente contestualizzate e specificate. "azienda", "chi siamo", "cosa facciamo" per google cosa significano?

strategie di visibilità per trovare e per avere nuovi clienti

 

Perché molti siti, anche in prima pagina, non rendono?

 

Ci capita spesso di sentire questa domanda, perché molti siti, anche in prima pagina, non rendono? e, ad un'analisi della pagina web nelle prime posizioni di google, notiamo che è priva di ogni forma di comunicazione. Se è in prima pagina è già un successo, certo, ma che non dica niente o riporti una lista di cose/servizi/prodotti, senza dare nessuna informazione concreta, non è comunicare e questo, se analizzato con questa ottica di visibilità, porta chiunque a capire e accettare il verdetto dell'inutilità: " è vero, così non serve a niente" è spesso l'amara conclusione del cliente che chiede spiegazioni e col senno di poi analizza.

Molti siti in prima pagina non rendono perché non hanno alla base nessuna strategia di visibilità

Il concetto di strategie di visibilità non include solo l'essere davanti, ma anche come siamo davanti alla concorrenza. Se siamo nelle prime posizioni, ma in modo insensato, cioè con tecnicismi, ripetizione di liste di parole o "giochi di tag", in primis siamo destinati a non rimanere lì per molto, perché google rileverà nel tempo l'insuccesso delle nostre pagine attraverso statistiche di permanenza del visitatore irrisorie, poi, comunque, siamo in prima pagina senza avere nessun beneficio né strategico, né commerciale perché un cliente arriva e in pochi secondi esce. Che strategia di visibilità è quella che non pensa al cliente?

Che senso ha la prima pagina in google di un sito se non porta a niente né da un punto di vista informativo né commerciale?

Come siamo in prima pagina? Con che ricerche siamo in prima pagina?

Si sente la mancanza strategica quando la prima pagina è in ricerche poco frequenti, o in ricerche che difficilmente vengono fatte dal navigatore. Questa analisi deve essere fatta da

  • chi segue le strategie del sito
  • il titolare del sito
  • l'eventuale staff marketing dell'azienda

Se cerchiamo "spaghetti e mostarda", amdweb fa una parodia di aspetti seo per parlare di come posizionare dei testi in linea concettuale, siamo in prima pagina ma chi mai cercherà spaghetti e mostarda? Un'estremizzazione voluta e cercata perché spesso con esempi estremi si semplifica un concetto e spesso, essere in prima pagina nelle query di ricerca sbagliate, significa perdere tempo e soldi.

Per avere un sito dobbiamo partire da un progetto che integri

  • azienda
  • prodotti
  • strategie d'insieme

Senza questi step (diamo per scontate parti tecniche ad hoc), senza vedere il sito come uno strumento di lavoro non ha senso perdere tempo per parlare di strategie di visibilità perché il sito è fatto di un insieme di aspetti che non possono non essere contestualizzati e devono essere sempre coordinati per dare risultati.

Come spesso diciamo nelle nostre pagine il sito è un mezzo per comunicare e arrivare al cliente finale, con una certa linea di trasparenza che comprende

  • chi siamo
  • cosa facciamo
  • che prodotti offriamo

e in linea con questo modo di proporci, attraverso il sito, siamo in grado di adottare, sempre in base a quello che facciamo, differenti strategie di visibilità che rispettino

  • l'azienda
  • il cliente
  • i prodotti
  • le offerte

Parliamo ad aziende, PMi, enti professionisti certo non possiamo ragionare strategicamente sulla visibilità di siti fatti per gioco, ma se il sito ha una minima finalità commerciale ci spiace, non c'è verso di farlo senza rispettare un iter che comprenda

  • parte concettuale
  • parte manuale
  • post-produzione strategico

Quanto possono costare le strategie di visibilità?

Una pagina ben studiata e posizionata arriva a costare anche più di 500 euro. Facciamo un attimo di chiarezza però, perché il numero può essere fuorviante: se vendiamo un prodotto di qualità che ci fa guadagnare, essere in prima pagina per anni ci permette di proporlo spesso e, quindi, di fare fatturato. In questo contesto è tanto investire 500 euro per sviluppare una pagina web in un contesto studiato e ottimizzato? Sono cifre per una pagina di giornale, che dopo un giorno è inutilizzabile. Il fatto, piuttosto, è capire bene chi sa farla e chi si prende la responsabilità di farla in un contesto d'insieme ampio e non limitato ad un testo fine a se stesso. Se abbiamo preventivi in mando di siti a 7/800 euro riflettiamo un attimo sul tipo di lavoro, concettuale, tecnico e strategico che vogliamo fare per la nostra azienda, perché l'offerta presenta molte opportunità di spesa, non altrettante garanzie di successo. Quando un cliente si avvicina al web, dovrebbe essere coinvolto con gli studi e le strategie, così da poter capire cosa sta facendo e come; in tal modo è più facile che si renda conto di come lavora chi ha davanti e di quanto è complesso e delicato un sito, il posizionamento ed il parlare ai clienti.

la trasparenza delle strategie

Se troppe volte ci sentiamo dire: "faccio io, fidati di me", non sempre c'è alla base trasparenza, anzi, per chi sa fare bene questo lavoro è auspicabile avere la partnership di chi vive in prima linea l'azienda perché è una fonte inestimabile di dati e risorse.

È più facile governare chi non crede più in niente
La storia infinita
Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 18/01/2014 10:30:51
L'ultimo aggiornamento: 07/04/2017 19:38:11
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

Scopri il servizio amdweb per essere on line con la tua azienda...
leggi..
30/08/2012
Come può chi non conosce l'azienda, capire cosa offre senza una comunicazione adeguata?
leggi..
14/04/2018
Quante volte si arriva in un sito aziendale e non si capisce tutto quello che tratta l'azienda?...
leggi..
24/08/2018
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology