Strategie per vendere online

È sempre delicato fare un discorso generale quando si parla di strategie per vendere online perché crediamo che solo un lavoro su misura possa essere la miglior soluzione e la miglior strategia per vendere online.

  • Analisi delle esigenze dell'azienda
  • Analisi di mercato
  • Confronto con la concorrenza
  • Piano marketing
  • Sito e-commerce
  • Advertising (social, ppc, mail marketing)

Una volta creato il giusto contesto di lavoro è senza dubbio più semplice valutare e attuare strategie per vendere online performanti ed in linea con le esigenze dell'azienda, partendo dal presupposto che anche la realizzazione del sito deve essere personalizzata.

Ecco comunque qualche spunto generale che noi sempre cerchiamo di considerare nelle nostre strategie per vendere online

  • Esigenze dell'azienda
  • Rapporto con il cliente finale
  • Equilibrio nelle proposte
  • Programma sconti promozioni
  • Cstante confronto con il mercato

Un errore comune è quello di pensare che la presenza aziendale nel web possa costare poco, errore comune perché tante web agency si preoccupano solo di realizzare il sito e non affrontano il post messa in rete e il contesto strategico, illudendo il cliente meno esperto con costi anche appetibili che si dimostreranno nel tempo, non adatti per raggiungere gli obiettivi della vendita online. Amazon, dati 2019, ha speso in advertising più di 11 miliardi di dollari e questo deve far riflettere quando per sito, posizionamento, grafica e strategie ci si trova a valutare preventivi di qualche migliaio di euro.

Aspetti tecnico strategici di un sito | amdweb.it

Aspetti tecnico strategici per realizzare un sito
  • Progetto iniziale (obiettivi, aspettative, fattibilità, tempi, progress)
  • Scelta tecnica (costi nel medio lungo termine, vantaggi e differenze)
  • Realizzazione contenuti (Progetto comunicativo, progetto redazionale e stesura testi)
  • Post messa in rete (tutti gli aspetti che fanno trovare/lavorare il sito)
Aspetti economici di un sito aziendale | amdweb.it

Aspetti economici: i costi di un sito
  • Costi tecnici (piattaforma, dominio, certificati ssl, personalizzazioni e assistenza)
  • Costi realizzativi (progetti, foto, inserimento contenuti e immagini)
  • Costi grafici (grafica desktop, mobile, immagine coordinata)
  • Costi pubblicitari (come far trovare il sito? ppc, social, seo, mail marketing?)

Ecco un primo schema di lavoro che noi sempre si propone ai clienti che si avvicinano al web perché per parlare di strategie per vendere online, serve parlare sempre di progetto di insieme. Un grande errore che si nota nell'approccio strategico di chi si avvicina al web senza troppa esperienza è proprio quello di fare scelte casuali e di avere un approccio casuale (quasi mai si sente parlare di progetto iniziale e post messa in rete; finito il sito, finito il lavoro e si aspettano clienti).

Ecco perché noi si consiglia sempre di partire da un progetto iniziale perché serve un'ampia visione di insieme e serve da subito tracciare un binario di lavoro che definisca bene

  • Aspetti tecnici
  • Aspetti realizzativi
  • Aspetti strategici
  • Aspetti economici

Si deve parlare di soldi già nel progetto iniziale, perché una cosa è avere un preventivo di massima, una cosa ben diversa è fare un prospetto economico dove si scrive, voce per voce, cosa si pensa di fare e come si affronta l'investimento. Se non si ha esperienza nel web il nostro consiglio è quello di investire anche sul progetto iniziale, pagando il lavoro del consulente che traccia una prima via, che definisce come potrebbe essere il lavoro da farsi. Se il prospetto non convince si cambia e si cerca altrove (fare un progetto iniziale è un'altra strategia perché permette di capire con chi si lavora).

strategie per vendere online, la prima regola il cliente

Il web costa, parlare di strategie per vendere online costa e molto e questo se è chiaro fin dall'inizio mette l'azienda nella condizione ideale di fare scelte mirate e controllate (progetto iniziale, cosa ben diversa da un preventivo o da un prospetto indicativo di lavoro).

Non scopriamo niente di nuovo quando facciamo notare che per una stessa ricerca che si fa con Google sul contesto web e strategie, ad esempio se si cerca "quanto costa un sito web", ci si trova davanti ad una serie di offerte molto distanti tra loro e questo fa capire quanto è complesso scegliere e quanto è complicato affidare il lavoro alle web agency. Serve consapevolezza, serve capire di cosa si sta parlando, serve avere le idee chiare altrimenti ci si deve fidare con il rischio di spendere male.

Posizionamento e ottimizzazione seo

Il lavoro del posizionamento e dell'ottimizzazione seo, per fare un esempio concreto, è un lavoro redazionale in cui si definisce come si vuole essere trovati quando un cliente digita qualcosa nei servizi di ricerca; la fase successiva è l'ottimizzazione seo della pagina, quindi scrittura e formattazione per renderla più appetibile ai motori o servizi di ricerca. Un lavoro seo di questo tipo, con la scrittura del testo che non deve essere fatta dal cliente ma dalla web agency, ha costi che variano da 100 a 250 euro a pagina e non è un semplice lavoro di inserimento di titoli o parole chiave come molti erroneamente credono perché un sito senza testi e senza comunicazione non può avere ottimizzazione seo.

Scrivere i testi di un sito non è facile e quando si fa da soli per risparmiare si compromette il lavoro se alla base non c'è una adeguata competenza. Ecco perché crediamo sia importante capire l'insieme quando si parla di strategie per vendere online perché quando ci si fida di qualcuno senza capire si rischia solo di spendere male. Capire se investire nel ppc o nel posizionamento, nel servizio newsletter e/o nella presenza nei social è fondamentale quando ci si avvicina al web e non si hanno budget importanti da spendere.

  • Un progetto seo ha costi mensili che partono da almeno 1500/2000 euro e deve essere un progetto di almeno qualche mese di lavoro (si capisca il lavoro del professionista per fare una valutazione coerente)
  • Un investimento in ppc ha costi mensili per la gestione di qualche centinaio di euro ma serve mettere a budget almeno 1000/1500 euro al mese
  • La presenza nei social o l'invio costante di newsletter (serve prima acquisire dati per l'invio) implica un investimento di almeno 350 euro al mese

Sfruttiamo le nostre pagine per essere chiari, per permettere a chi ha voglia di approfondire l'argomento di leggere con calma e senza pressioni e quando si parla di strategie per vendere online vogliamo mettere in evidenza che

  • Non è facile (fondamentale avere strategie personalizzate)
  • Non è economico (sito, grafica, posizionamento, social, marketing, motori di ricerca, analisi andamento, proposte commerciali, spedizioni e resi, aspetto strategico spesso sottovalutato)
  • Servono costanti confronti (la web agency è esperta nel web, l'azienda nel settore che tratta)
  • Serve competenza e lungimiranza (ci sono strategie per vendere online adatte nel breve termine e strategie per vendere online adatte al medio lungo termine)
  • È un lavoro (serve personale che segue solo questo aspetto del sito)
  • Non ci deve essere casualità (il cane di tanti padroni, muore di fame)

Il nostro approccio alla vendita online, o nello specifico alle strategie per vendere online parte sempre dal mettere il cliente che deve acquistare al centro dell'attenzione, agevolando la sua permanenza nel sito con testi chiari, condizioni di acquisto, intese come spese di spedizione, costi, metodi di pagamenti, sempre evidenti. Se si fa il lavoro da soli si tende a dare molto per scontato dimenticando che chi non conosce l'azienda rischia di essere escluso.

Foto veritiere e cura maniacale della navigabilità del sito sono aspetti chiave per quanto riguarda le strategie per vendere online, perché meno click si fa fare al cliente, più le strategie per vendere online funzioneranno. Serve avere il sito veloce, perché un sito lento non piace a nessuno.

Un cliente inizia la sua esperienza virtuale chiedendo a Google qualcosa; Google analizza la richiesta e trova risposte da proporre (è importante fare investimenti nella comunicazione del sito e nell'ottimizzazione seo, quindi comunicazione > seo). Google propone una parte di risposte a pagamento (ppc) e si possono distinguere perché sono le prime posizioni marcate da ANN iniziale (annuncio) per proseguire poi con le risposte "naturali", quelle che Google considera le migliori.

Una volta nel sito il cliente deve capire di cosa si sta parlando e deve avere tutte le informazioni possibili per poter proseguire l'acquisto (solo dopo essere certi che tutti questi passaggi sono fatti bene ha senso cercare e approfondire il concetto di strategie per vendere online siamo un po' pignoli su questo aspetto perché spesso ci si confronta con siti fatti in casa, lenti e senza un minimo di logica).

Quando un sito non è veloce, non comunica, non è la soluzione ideale per il cliente che fa fatto ricerche, ecco che il cliente cerca altrove, in altri siti e ci mette 2 secondi ad uscire e trovare altre soluzioni (queste considerazioni sono già una serie di strategie per vendere online che si devono considerare); questo andamento negativo viene segnalato dai servizi di Google analytics come rimbalzo (clienti che entrano ed escono dal sito in poco tempo, senza fare altre interazioni). L'analisi dei dati è una delle migliori strategie per vendere online perché i dati ci possono essere utili per capire a che punto si è nella realizzazione.

Il cliente finale

Ci sono un sacco di modi per arrivare al cliente finale, ogni scelta però dipende dal budget e dal prodotto che si tratta, per questo noi si consiglia sempre di avere un approccio personalizzato.

Parliamo di strategie per vendere online perché il rapporto con il cliente finale è strategia e se si riesce a coinvolgere il cliente con promozioni, offerte, sconti mirati ci si mette nella condizione ideale di risparmiare nel tempo.

  • Proposte scontate quando il cliente ha nel carrello determinati importi
  • Omaggi su soglia spesa
  • Pacchetti di prodotti coordinati e scontati

Sono solo alcune idee che permettono di fidelizzare il cliente, fargli conoscere quello che propone l'azienda e portarlo a fare nuovi acquisti nel tempo.

La stessa newsletter è uno strumento molto potente perché periodicamente, se coordinata, permette all'azienda di raggiungere il cliente finale.

Non si sottovaluti mai il rapporto con il cliente finale perché a parte l'acquisto che può essere visto come l'obiettivo principale delle strategie per vendere online, il cliente finale è colui che può aiutare l'azienda a migliorare. Domande frequenti, contatti, confronti sono un ottimo sistema per avvicinare l'azienda al mercato.

 

Ultimo Aggiornamento:04/05/2022 11:28:35
Condividi nelle tue pagine Social
I nostri servizi

  • yost.technology è la nostra piattaforma tecnica, il servizio che proponiamo per fare siti aziendali, blog o siti e-commerce (Non è una piattaforma Open source)
  • lanewsletter.net è il servizio che proponiamo per creare newsletter aziendali
  • smtp dedicato il server per inviare newsletter

  • Servizio hosting solo per chi usa la nostra piattaforma e servizio mail server anche per clienti esterni alla piattaforma

Start up tecnico online in 48 ore

Il nostro punto di partenza, il servizio Lite

Ecco qualche esempio di struttura da 590 euro che con amdweb può essere operativa in 24/48 ore dall'attivazione del dominio (con materiale fornito)

In evidenza

Inviare newsletter è una strategia di marketing avanzata che necessita di server dedicati e strumenti di invio...
leggi..
Lavorare nel sito un po' alla volta... concetto non facile da capire ma fondamentale per il successo.
leggi..
Quando si parla di su misura, sicuro sia tutto chiaro?
leggi..
yost technology
Yost.tecnology
Il nostro servizio tecnico per fare siti
la piattaforma più evoluta di sempre proposta come servizio!

Iscriviti alla nostra newsletter
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy * (*obbligatorio)
(riceverai una mail di conferma con un link da cliccare, se la mail non arriva, controlla nello spam)

yost.technology | 04451716445