Può costare poco un sito e-commerce?

Si tecnicamente un sito e-commerce può costare poco, anche amdweb ha soluzioni Lite del servizio yost.technology che partono da 790 euro ma attenzione a capire bene quello che si compera perché nel nostro caso si parla solo di costo tecnico. 

Realmente, può costare poco un sito e-commerce? No, non può costare poco un sito e-commerce e lo dimostra il fatto che Amazon, spende ogni anno, per farlo funzionare, diverse migliaia di euro (2019 circa 11 miliardi).

Chi si avvicina al web si trova a dover valutare un sacco di proposte con i prezzi più disperati e capiamo che scegliere possa essere molto complesso perché se da una parte spendere poco è allettante, dall'altra realizzare un sito aziendale deve essere un investimento e non una spesa.

Può costare poco un sito e-commerce?

Ecco qualche spunto, ecco allora qualche nostra considerazione che speriamo possa far capire perché un sito e-commerce non può costare poco!

Aspetti tecnico strategici di un sito | amdweb.it

Aspetti tecnico strategici per realizzare un sito
  • Progetto iniziale (obiettivi, aspettative, fattibilità, tempi, progress)
  • Scelta tecnica (costi nel medio lungo termine, vantaggi e differenze)
  • Realizzazione contenuti (Progetto comunicativo, progetto redazionale e stesura testi)
  • Post messa in rete (tutti gli aspetti che fanno trovare/lavorare il sito)
Aspetti economici di un sito aziendale | amdweb.it

Aspetti economici: i costi di un sito
  • Costi tecnici (piattaforma, dominio, certificati ssl, personalizzazioni e assistenza)
  • Costi realizzativi (progetti, foto, inserimento contenuti e immagini)
  • Costi grafici (grafica desktop, mobile, immagine coordinata)
  • Costi pubblicitari (come far trovare il sito? ppc, social, seo, mail marketing?)

Lo schema che proponiamo in molte nostre pagine è frutto della nostra esperienza diretta, prima da clienti di web agency, poi con il tempo di web agency. Se si vuole curare il dettaglio, se si vuole un sito veloce, se si vuole una comunicazione che lo faccia trovare, serve spendere quindi attenzione a capire l'insieme e valutare piuttosto il work in progress.

Un punto cruciale nella realizzazione del sito è la parte tecnica perché sempre o quasi si tende a scegliere il mondo open source, il mondo gratuito pensando di sfruttare una opportunità che nel tempo si dimostra invece pericolosa, poso sicura, costosa e molto vincolante.

Lavorare con le soluzioni open source diventa un vero e proprio lavoro perché ci sono "ogni giorno" aggiornamenti da fare quando invece il vero lavoro del sito e-commerce dovrebbe essere

  • Arrivare a nuovi clienti
  • Creare proposte accattivanti
  • Fare marketing con già i clienti

Lo schema che noi consigliamo di seguire aiuta a realizzare il sito e-commerce analizzando tutte le fasi delicate della realizzazione e lo consigliamo perché abbiamo visto che permette di avere una chiara visione di insieme, utile a capire perché NON può costare poco un sito e-commerce.

work in progress, funziona nel sito e-commerce?

Il concetto di work in progress, quindi lavoro costante nel tempo, quando serve, se serve è l'unica strategia che conosciamo e consigliamo per realizzare un sito e-commerce e spedere bene. Non si tratta di spendere poco, si tratta di spendere se serve, quando serve quindi con consapevolezza. Ci piace l'esempio dell'arredare casa, quando si fa tutto subito ci si trova a spendere male, quando si aspetta e ci si adatta un attimo, si sanno cogliere occasioni con maggior lucidità. 

Che differenza c'è tra aprire un sito e-commerce e un negozio?

  • Il negozio è il sito (attenzione negozio = sito)
  • L'esposizione della merce sono le foto e le descrizioni
  • L'impostazione del negozio è l'impaginazione del sito (aspetto che sempre si sottovaluta)
  • Il commesso che parla e spiega è la comunicazione
  • Il preparare quanto ha comperato il cliente sono le spedizioni
  • I pagamenti sono sempre anticipati come in negozio, compero, pago, porto a casa; nel sito scelgo (metto nel carrello), pago e ricevo entro un paio di giorni
  • L'affitto del locale sono i costi tecnici del sito
  • La gestione straordinaria e l'arredamento possono essere le grafiche
  • La pubblicità si fa per entrambe le attività
  • Si può avere una gestione differente del magazzino e delle giacenze perché nel sito possono essere virtuali (il riassortimento può essere fatto in 2 giorni quindi un prodotto non disponibile può essere gestito come disponibile se si ha la certezza di poterlo avere in tempi stretti o sei si connette con il fornitore in drop shipping)
  • In negozio si fa più fatica a comperare sul venduto mentre con il sito si può addirittura acquistare un prodotto sul venduto (strategia da non sottovalutare)
  • Gestione cambio prodotto/i, resi, garanzia, assistenza post vendita, c'è nel negozio fisico, ci deve essere nello store online (personale che risponde ai clienti sia telefonicamente che virtualmente con mail o chat, ritiro merce, controllo, gestione rimborsi (totale o parziale)
  • Sia nel negozio fisico che nel sito e-commerce, serve personale!

Perché allora ci sono tante pubblicità che mettono in evidenza un costo irrisorio del sito e-commerce?

Ci sono tante pubblicità che mettono in evidenza un costo irrisorio del sito e-commerce perché non specificano nulla sui costi strategici, sull'inserimento dei prodotti, sul marketing, sul far trovare il sito. Se si associa poi alla proposta, una scelta tecnica gratuita, si consideri che il sito e-commerce può essere online in poche ore.

È interesse dell'azienda che spendere capire bene se un sito e-commerce può costare poco.

Che sito si vuole fare?

Il punto da capire prima di fare altre considerazioni, è capire che tipo di sito vuole mettere online l'azienda e che tipo di risultato si aspetta quando sceglie di spendere per realizzare un sito e-commerce.

Il nostro consiglio è quello di informarsi, di capire e investire se servisse anche in consulenze personalizzate. Serve avere un prospetto personalizzato, serve analizzare il settore, il contesto, la concorrenza e trovare una strategia di vendita che permetta all'azienda di avere riscontro.

 

Ultimo Aggiornamento:23/05/2022 12:50:36
Condividi nelle tue pagine Social

Scopri quanto è facile lavorare con yost.technology
1

Scelta del servizio
vetrina, e-commerce, blog
 
2

Scelta delle funzionalità
o sviluppo personalizzato
 
3

Operatività, strategie,
grafica e contenuti
 
4

Assistenza tecnica
sempre nel servizio
 
La piattaforma è attiva in 24/48 ore dall'attivazione/trasferimento del dominio

I nostri servizi

  • yost.technology è la nostra piattaforma tecnica, il servizio che proponiamo per fare siti aziendali, blog o siti e-commerce (Non è una piattaforma Open source)
  • lanewsletter.net è il servizio che proponiamo per creare newsletter aziendali
  • smtp dedicato il server per inviare newsletter

  • Servizio hosting solo per chi usa la nostra piattaforma e servizio mail server anche per clienti esterni alla piattaforma

Il nostro punto di partenza, il servizio Lite

Start up tecnico online in 48 ore

Ecco qualche esempio di struttura da 590 euro che con amdweb può essere operativa in 24/48 ore dall'attivazione del dominio (con materale fornito)

In evidenza

Inviare newsletter è una strategia di marketing avanzata che necessita di server dedicati e strumenti di invio...
leggi..
Lavorare nel sito un po' alla volta... concetto non facile da capire ma fondamentale per il successo.
leggi..
Quando si parla di su misura, sicuro sia tutto chiaro?
leggi..
perché molte aziende non usano la newsletter?
leggi..

Iscriviti alla nostra newsletter
Ho letto e accetto le condizioni sulla Privacy *
(*obbligatorio)
(riceverai una mail di conferma con un link da cliccare, se la mail non arriva, controlla nello spam)

yost.technology | 04451716445