In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

Vorrei un sito che costa poco e mi fa guadagnare

È una richiesta gettonatissima, vorrei un sito che costa poco e mi fa guadagnare e la cosa sorprendente è che ci sono realtà che propongono soluzioni a queste condizioni: "un sito open source o concepito con software on line gratuiti", "spendi poco e ....", ma riflettiamo un attimo...

Rivediamo l'idea con un altro spirito e cerchiamo di capirla e leggerla con obiettività: vorrei un sito che costa poco e mi fa guadagnare.

Lo riscriviamo perché deve essere riletto bene vorrei un sito che costa poco e mi fa guadagnare.


Perché chi fa web non ha siti che guadagnano?

Ora, se fosse possibile non saremmo noi o le varie agenzie web che si contattano i primi a farlo? e rifarlo e rifarlo? Se fosse possibile avere un sito che fa guadagnare senza investimenti, perché ci sono aziende, come la nostra, che parlano di serietà e di studio di un progetto per essere on line in modo professionale e finalizzato al cliente, che prima ci trova a poi acquista?

È possibile fare un sito che costa poco? Sì, è possibile con 200 euro, anche meno, fare un sito.

Funziona un sito che costa poco? No, assolutamente no, non funziona e anzi, fa perdere tempo e fa fare brutta figura.

Si può vendere on line spendendo poco? Sì, se abbiamo competenze e facciamo noi con cognizione di causa, ma assolutamente no se serve personale esterno, capace e preparato, per darci una linea guida strategica che ci permetta di fare la differenza.

Pensiamo tutto ciò rapportato al nostro settore, qualsiasi cosa vendiamo o proponiamo, perché non lo facciamo a metà prezzo? Facile, dobbiamo coprire delle spese vive, pagare dipendenti, affitti o investimenti fatti per arredare, e dobbiamo guadagnare, poco, il giusto ma guadagnare.

Ripartiamo dall'inizio: vorrei un sito che costa poco e mi fa guadagnare: abbiamo chiaro cosa serve per essere on line?
Perché questa frase, in modo un po' figurativo, può essere uguale a "vorrei un'auto nuova con 500 euro"; "vorrei fare un mese di vacanza con 100 euro"; "vorrei una casa nuova arredata con 5000 euro"; sono situazioni che per essere ben comprese devono essere estremizzate. Un sito che costa poco e fa guadagnare, dove per poco dal nostro feedback del web intendiamo meno di 1500 euro, non esiste!

Poi c'è un altro discorso da fare, cosa significa spendere poco? Perché il nostro dato è un budget di meno di 2000 euro, cosa improponibile per un ecommerce studiato e lavorato da esperti, possibile se usiamo open source o software preconfezionati. Il punto cruciale è sempre capire come vogliamo andare nel web e che immagine vogliamo dare di noi stessi al mondo del virtuale. Quanti siti importanti conoscete lasciati al caso sotto l'aspetto tecnico?

vorrei un sito che costa poco e mi fa guadagnare: valutiamo bene prima di spendere anche se poco, sono sempre buttati


Il guadagno come conseguenza di lavoro e investimenti

Capiamo anche che spendere cifre importanti, 5/7 mila euro non è facile, ma facciamo attenzione, anche aprire un negozio ha costi importati e quando si decide di aprire o di investire per cambiare arredamento, si è consapevoli di questo step. La cosa strana o forse l'eccessiva ricerca per spendere meno, rende vulnerabile il cliente che è attratto dal web, ma in modo scellerato e si autoconvince che almeno ha speso poco e non ha fatto un grosso danno all'azienda, precludendosi, però, con questa scelta ogni minima possibilità di successo. Il fatto bizzarro, poi, è che comunque se trova un partner preparato, costruisce il sito pian piano; amdweb parla di progress appositamente e la spesa, anche se maggiore, è diluita nel tempo in modo da iniziare anche a guadagnare dal sito stesso e quindi diventa più che una spesa aziendale, diventa una strategia e un progetto. In effetti, ragioniamoci, cosa cambia se spendo 1500 euro e alla fine sono consapevole di buttarli, o se ne spendo un po' al mese e inizio a guadagnare e far sì che il sito stesso si ripaghi?

Facciamo chiarezza su un altro aspetto, cosa intendiamo per sito che funziona?

Parlare di sito che funziona è sempre soggettivo perché ogni azienda ha le sue necessità, ma in linea generale parlare di sito che funziona significa

  • trovare nuovi clienti
  • fare nuove vendite
  • allargare il nostro orizzonte aziendale

L'errore di molti titolari è considerare un sito che funziona un sito che tecnicamente funzioni, che ha i link corretti e che le eventuali transazioni siano tutto sommato facili.

Ma come entra il cliente nel sito?

Non possiamo pensare di dare un nuovo servizio a chi ci conosce, sarebbe un costo inutile, dobbiamo pensare al web come un nuovo palcoscenico in cui proporci.
Se il concetto di sito che funziona è legato alla parte tecnica, non continuate a leggere questa pagina, perché per noi è un concetto diverso. Un sito che funziona non è un sito con i link corretti, senza logica e con tutto dato per scontato, un sito che funziona è un sito istituzionale, dell'azienda, che serve proprio per farla conoscere, per trasmettere qualcosa e per essere un costante collegamento tra clienti, azienda, fornitori e simpatizzanti. Un'immagine di noi, una presenza nel web che ci identifichi nel mercato per quello che facciamo e che magari possa essere anche un riferimento per chi cerca di capirci di più nel nostro settore, perché noi con "un sito che funziona" intendiamo anche un sito che comunichi qualcosa.

Alcune considerazioni

Purtroppo nel web si trova di tutto e soprattutto chi non ha grosse competenze può essere tratto in inganno con pubblicità discutibili che parlano del web come un settore facile e di successo senza impegno, senza investimenti, con pochi click. Non facciamoci ingannare, niente è facile e niente è da prendere alla leggera, tantomeno dove ci sono soldi di mezzo. Un sito che rende è possibile farlo e gestirlo, ma serve investire e capire bene cosa si fa e come, per essere un po' indipendenti da una parte, ma consapevoli e supportati da staff preparato dall'altra. Niente è facile, tantomeno sono da valutare proposte troppo economiche o "corsi cambia vita" da poche centinaia di euro, che non possono che far fare fatturato solo a chi vende questi prodotti, ma non possono fare niente per il nostro business. Spendere bene, spendere il giusto, voglia di fare e consapevolezza sono gli unici ingredienti che conosciamo per fare un sito che fa guadagnare.

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 01/12/2013 10:02:18
L'ultimo aggiornamento: 01/01/2014 12:54:50
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

Prova il servizio lanewslette, fino a 200 invii al giorno da 159 euro all'anno...
leggi..
09/08/2012
Scopri il servizio amdweb per essere on line con la tua azienda...
leggi..
30/08/2012
Con amdweb serve qualche ora per la parte tecnica, gli aspetti strategici invece...
leggi..
21/02/2017
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology