In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

Basta il web per crescere?

Questa è una considerazione strategia che può avere molte sfumature, ma se serve una risposta diretta e un po' generica è no: non basta il web per crescere!

Quando pensiamo al web per crescere dobbiamo pensare ad un lavoro concettualmente diverso da quello che già facciamo e in particolare, se vogliamo crescere con il web, dobbiamo iniziare a capire in prima persona e non sempre delegare (o sperare negli altri).

Un sito internet, una strategia commerciale, un ecommerce, un sito vetrina sono una parte aziendale che idealmente si sviluppa in parallelo e si deve avere con questo ramo aziendale ogni accortezza che ha permesso all'azienda di essere quello che è. Se l'avvicinarci al web è fare un sito e farlo fare a terze persone, pagando un compenso, non ha alcun senso parlare di crescita né ha senso aspettarsi risultati. (chi li propone ci illude solamente).

Se l'approccio al web non è propositivo, se l'approccio al web non è da intendersi come crescita, almeno strategica, non ci può essere un passo avanti, ma solo una spesa in più nel bilancio di fine anno. Crescita che può essere concettuale e affidata ad esterni, amdweb si propone anche per queste soluzioni, ma soprattutto deve essere vista in prospettiva e non nell'immediato e vista in parallelo alle strategie aziendali.

Partiamo dal capire le logiche: quali sono le logiche del web?

Per vedere concretamente una crescita nel web dobbiamo pensare a come ragiona il web e dalle logiche che portano il cliente a navigare che non sempre sono finalizzate a cercare qualcosa e non sempre sono fatte con l'intendo di raggiungere un fine. Se, però, nel nostro capire quali sono le logiche del web, riusciamo ad essere da una parte esaustivi e concreti nei nostri contenuti, e dall'altra riusciamo ad attirare l'attenzione con slogan o immagini, è facile che anche nel gironzolare del cliente visitatore riusciamo a destare curiosità e quindi riusciamo ad attirare nel tempo nuovi visitatori.

Se un cliente cerca nello specifico deve trovare concretezza e deve trovare una prima parte di consulenza, deve cioè capire che siamo professionisti e non che abbiamo messo nel web quattro paginette perché serviva, poi, può procedere a contattare, comprare o altro, in base ai servizi che offriamo; nello stesso tempo, se vogliamo investire dobbiamo aprire un ciclo di informazioni che deve essere aggiornato con costanza.

Da una parte dobbiamo pensare a chi cerca per perdere tempo, da un'altra dobbiamo pensare a chi cerca nello specifico, da un'altra ancora dobbiamo pensare a chi non sa ancora che potrebbe servirgli il nostro aiuto.

Come possiamo crescere nel web se non cambia il nostro approccio?

Il punto di partenza per avere un risultato dal web è iniziare a vedere le cose con l'occhio del web, quindi non possiamo pensare che le strategie che abbiamo usato nel tempo per crescere e per affermarci sono ancora valide e non possiamo pensare che il web capisca il nostro modo di fare. Se una volta l'avere un negozio era una certezza (si apriva un'attività con molta accortezza e riflessione), adesso si rischia di aprire e chiudere con una voragine di debiti in pochi mesi e lo stesso può succedere nel web perché senza logiche e senza uno studio approfondito sul settore o sul prodotto non possiamo sperare né di avere successo né di iniziare nessun processo di sviluppo o di crescita: paghiamo un compenso a chi fa il lavoro e tutto finisce lì.

Avere sbocchi nel web, come purtroppo credono molti esperti di categoria, non significa avere strumenti idonei per il fai da te, ma iniziare, piuttosto, un percorso formativo almeno concettuale per crescere e far crescere personale specifico, che abbia un minimo background di competenze nello specifico settore da integrare a parti tecniche professionali. Non possiamo pensare che sia sufficiente avere un sito o una buona piattaforma per crescere, serve competenza nello scrivere e nel capire come parlare attraverso il web, serve competenza per interpretare il web e, in parallelo, non possiamo pensare che una buona preparazione possa dare risultati di pregio su piattaforme standardizzate. Serve tutto professionale, dalla parte tecnica alla parte concettuale.

  • Fare brochure o volantini non ha le logiche del web
  • Il messaggio di un pieghevole non è un messaggio adatto al web
  • Un manifesto pubblicitario, non è una pagina web

Il nostro ragionamento va contestualizzato a lavori professionali e staff di supporto per una crescita equilibrata e mirata che sia un investimento e non un mordi e fuggi. L'azienda rimarrà nel mercato per anni e per anni deve avere questo supporto dal web; poi sono le strategie interne che vagliano la possibilità di avere consulenti esterni, con i pro ed i contro o formare personale specializzato interno all'azienda. Facciamo attenzione ad un aspetto ingannevole: il web è un po' cieco e navigare per cercare o per fare confronti può sembrare agli occhi del titolare vecchio stile, un passatempo costoso.

Purtroppo il mare di incompetenti che credono che sia tutto facile, caratterizzato in buona parte da falliti di altri settori (siamo volutamente duri in queste considerazioni, perché l'improvvisato affossa l'azienda), fa credere che con poche ore o poche lezioni si possa essere esperti nel web facendo comunque leva su un costo irrisorio delle consulenze, ma ignorando che così in primis illudono chiunque (in particolare chi non ha esperienza) e, poi, affossano le ultime speranze aziendali di vincere questo filone di crisi.

Non possiamo banalizzare un contesto aziendale come il web, ridicolizzando la nostra presenza con sistemi open source fatti in poche ore o fatti perché abbiamo partecipato ad un corso di qualche ora, perché la nostra azienda ha anni di storia e di sacrifici che non possiamo banalizzare in poche pagine.

Il 95% delle aziende on line fa l'errore di banalizzare, il 100% delle persone che sono amareggiate per i pochi risultati hanno banalizzato la loro presenza nel web, hanno pensato che basta il web per crescere senza fare niente altro, pagando una misera fattura e mettendo in poche righe di testo anni di lavori, sacrifici e investimenti. Il non investire con consapevolezza ci fa trovare aziende leader nel mercato che non hanno il minimo spessore nel web, ecco perché troviamo showroom internazionali, anonimi e derisi nelle comunità che frequentano il virtuale. Ricordiamo che il web non ha feedback diretto, nessun cliente verrà a dire che il sito non è all'altezza dell'azienda e questo a volte è frainteso o per lo meno sottovalutato. Siamo un'azienda importante? Anche il sito lo deve essere e lo devono confermare i dati di accesso e di permanenza, non banali complimenti di clienti che stanno comperando.

Conoscere il web per crescere

Conoscere il web per crescere, un punto di partenza che sia di spunto per crescere e per migliorare. Non possiamo fidarci, mai fidarci ma dobbiamo capire, crescere e affiancare chi fa per noi il lavoro per amalgamare esperienza diretta nel web e esperienza del settore. Non dobbiamo diventare programmatori, ma capire, capire cosa significa investire in sistemi cms, investire nei testi, nella struttura e non spaventarci mai perché è normale non sapere ed è dovere consulenziale far capire, se ci affida a professionisti. Poi, cosa bizzarra, è anche più comodo per chi fa siti spiegare bene, perché coinvolgendo chi fa un lavoro si hanno maggiori informazioni e maggiori sono le possibilità di crescere e gestire insieme gli interessi di entrambi. Dobbiamo aver chiaro cosa comperiamo e con che logiche spendiamo. Piattaforma, proprietà, di chi è il sito dopo l'esecuzione, compriamo la sorgente o solo l'applicazione sono aspetti da capire e analizzare per avere sempre tutto sotto controllo. È normale che di solito la sorgente non si compera, problema che non si presenta per i sistemi open source perché sono gratuiti, è normale che un sito costa 3000 euro e con il codice sorgente ne costa 10 mila, ma noi, da titolari, abbiamo chiare queste differenze prima di spendere? Come possiamo pensare che il web possa bastare per crescere se non siamo noi a corrergli incontro?

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 11/10/2013 10:59:48
L'ultimo aggiornamento: 15/10/2013 19:19:13
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

Ottimizzazione siti aziendale per rendere il sito uno strumento di lavoro...
leggi..
28/09/2018
Perché il servizio amdweb con yost.technology è così innovativo?
leggi..
16/10/2018
gestione e servizi hosting
leggi..
09/12/2018
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology