In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

Come leggere il preventivo per il nostro sito?

Come leggere un preventivo per il nostro sto? perché il preventivo di un sito è una questione molto spinosa, in particolare se non siamo esperti e ci troviamo davanti a delle soluzioni che non possiamo capire e non possiamo, quindi, dare un concreto valore al lavoro che ci viene proposto. Come leggere, quindi, il preventivo per il nostro sito? Cosa capire e cosa tralasciare? Da una parte sarebbe interessante fare un testo per spiegare come fare un preventivo, ma ovviamente cozzeremo con ogni strategia personale delle agenzie web che, crediamo, pensano sempre di agire al meglio, dall'altra cerchiamo di individuare degli aspetti comuni da analizzare per capire come leggere il preventivo per il nostro sito dando delle priorità che, secondo la nostra logica e la nostra esperienza diretta, sono prioritari sia per costruire il progetto, poi, non da meno sono importanti nel post produzione, aspetto spesso e volentieri dimenticato nella trattativa iniziale.

CMS, open source e falsa libertà di manovra comoda nel preventivo

Prendiamo spunto dalla rete per fare delle osservazioni sul mondo open source, che, vogliamo sottolinearlo, è gratuito e non ha costi né di codice né di utilizzo ma, ci interessa maggiormente fare una considerazione che dal nostro punto di vista è molto distorta nell'opinione pubblica: non è assolutamente vero che quando facciamo un sito non ci vincoliamo un po' a chi lo fa, perché solo chi fa il sito sa le logiche e lo studio che ha fatto e difficilmente una nova web agency lavora sulle ceneri di un'altra. amdweb per principio evita lalori già fatti perché senza fare il lavoro è ancora più difficile garantire risultati e "non l'ho fatto io" non può essere la scusa costante dell'insuccesso. Se scegliamo open souce per delle ragioni motivate è un discorso ma se scegliamo open source perché l'agenzia web ci propone quella come miglior soluzione, magari chiedendo 1500/2000 euro non siamo, sempre dal nostro punto di vista, scegliendo la strada migliore. Il primo anno è compreso, il secondo anno ha bisogno di aggiornamenti e ci chiedono almeno 500 euro, il terzo anno di certo si cambia versione del sistema e ci chiedono almeno 1000 euro, ma siamo partiti da un lavoro gratuito, attenzione!

Ambizioni del progetto: dove vogliamo arrivare?

Partiamo dalle ambizioni, che, se sono nella media dei nostri contatti, sono avere maggior visibilità e un "aiuto" dal web per trovare nuovi clienti. Tradotto in concreto significa investire su un prodotto di altra qualità che parte da un costo di almeno 3500/4000 euro e comprende

  • un lavoro fatto ad hoc
  • testi specifici
  • possibilità di integrazioni
  • libertà di aggiornamento
Che tradotto nel concreto significa
  • essere trovati dai clienti
  • avere contatti
  • dare un servizio on line

Il sistema cms, joomla, wordpress, drupal sono tutti sistemi "al limite", nel senso che sono liberi, gratuiti e poco adatti a lavorare seriamente nel posizionamento organico del progetto e dal nostro punto di vista, poco efficaci per fare un progetto professionale e lavorare nel web (sempre opinione personale nostra). Non da meno hanno dei costi di manutenzione e di aggiornamento che a lungo termine non compensano il basso costo iniziale, anzi rischiano di farci stancare e di farci vedere nel web un problema e non una soluzione.

Se l'idea è essere on line e spendere poco, giusto per esserci joomla e company sono soluzioni perfette.
Se l'idea è veramente quella di essere presenti nel web per trovare nuovi clienti, meglio una soluzione più personalizzata.

Cosa dice la gente dell'agenzia web?

Capire da altri clienti come lavora un'agenzia web è molto discutibile perché non sappiamo cosa il cliente ha chiesto e questo non sarebbe un grosso problema se il concetto di sito web non fosse così ampio da comprendere lavori da 500 euro fino a lavori da 200 mila. In base a cosa chiediamo qualcosa? non facciamoci ingannare da commenti smielati e talmente falsi di amici e conoscenti perché la maggior parte vengono da amici e colleghi che sono consapevoli dell'influenza che ha un commento nel web, ma non hanno riscontro nella realtà.(basta leggere i commenti o feedback in ebay per capire quanto è difficile avere un bel commento, ci si limita a dire che tutto è andato bene e basta). Sono contesti molto costruiti e molto fuorvianti. Possiamo piuttosto vedere nel concreto il sito dell'azienda, e cercare nel web altri lavori con ricerche specifiche, per argomento, per interesse, ma anche qui è difficoltoso perché non sappiamo le richieste fatte all'agenzia web.

Pensate per un istante se un cliente di un vostro amico vi chiama per un consiglio o per capire come vi trovate con il vostro amico stesso: siete obiettivi nella risposta o "tirate acqua al suo mulino"?

la grafica e quello che si vede, ma il resto, il preventivo deve parlare di tutto?

Leggiamo molto on line di grafiche da preparare almeno in un giorno, o di consegne di lavori da fare in poco tempo, ma dobbiamo essere consapevoli che un sito plasmato per le nostre necessità, che rispecchi il nostro essere e la nostra azienda, il nostro business e che possa essere trovato facilmente on line necessita di sviluppi di mesi e mesi e non di ore o giorni. La grafica nasce, cresce e si modifica con il progetto, parte con eleganza e riservatezza e cresce nel tempo con contenuti e con idee che emergono dall'andamento del progetto. Non esiste un sito chiavi in mano, non esiste un lavoro da 1500 euro finito e basta, non esiste una grafica fatta in pochi giorni; in ogni lavoro serve sviluppo post produzione e serve lavorarci sempre, come una fabbrica, come un negozio, come un punto vendita. Di questo nei preventivi non si parla e poi, ad ogni richiesta, segue fattura di 150/200 euro ma notiamo che abbiamo scelto chi all'inizio costava meno degli altri e parlava di più, garantendo che faceva tutto e senza problemi (stiamo condividendo situazioni reali, di quanto ci riferisce chi ci contatta, non congetture per fare solo bella figura).

Cosa si dice del posizionare? Del farsi trovare? Il preventivo parla del posizionamento di google? E come?

Altro aspetto che ci deve interessare: come ci trova il cliente? Il posizionamento del sito chi lo fa e come? Che "garanzie" ci vengono date? In che modo pensiamo di farci trovare? Sono solo spunti e idee da analizzare, ma credete che chi ci contatta le presenta sempre come grandi lacune e grandi prese in giro. Non se ne parla molto nel preventivo perché si inizia ad essere scomodi e si rischia che davanti aduna certa professionalità il cliente "scappi", quindi meglio fare finta di niente e prendere quel poco che ha, senza troppe domande e senza troppe pretese.

Siamo in una fase delicata, il preventivo di un sito è l'inizio dei lavori, non siamo ancora obbligati a fare o scegliere, per questo è un momento da sfruttare per renderci conto del partner e della sua professionalità, che si manifesta non tanto nel farci risparmiare, ma nel saperci consigliare bene, il meglio e non il comodo. Dobbiamo riflettere bene prima di spendere!

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 18/12/2013 14:57:18
L'ultimo aggiornamento: 22/12/2013 12:32:50
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

Prova il servizio lanewslette, fino a 200 invii al giorno da 159 euro all'anno...
leggi..
09/08/2012
Scopri il servizio amdweb per essere on line con la tua azienda...
leggi..
30/08/2012
Con amdweb serve qualche ora per la parte tecnica, gli aspetti strategici invece...
leggi..
21/02/2017
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology