In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Benvenuto login

Quanti fanno siti internet?

Sono proprio tante le aziende, i pensionati o i simpatizzanti del web che fanno siti internet e questo, a differenza di altri settori, in cui più si è più si alza il livello qualitativo del servizio, non è per niente un bene perché sta portando il livello qualitativo a livelli sempre più bassi. La tendenza, adesso, del fare un sito è sempre più quella del farlo costare poco e destabilizzare il mercato in una direzione ignota e, permetteteci, molto insensata soprattutto se analizzata da un punto di vista aziendale.

In effetti troviamo

  • fotografi in crisi che fanno siti
  • agenzie pubblicitarie che fanno siti
  • agenzie di qualsiasi livello che fanno siti
  • studi medici che fanno siti

Ma la cosa grave è che a fare siti non sono solo persone che lo fanno a tempo perso, ma professionisti di altri settori che parlano di essere professionali nel proporsi, ma fanno siti perché anche loro, combattono con il pagare bollette e dipendenti.

Come ci possiamo difendere?

Da un punto di vista concorrenziale per chi sa fare il lavoro lunga vita agli improvvisati perché portano a capire il cliente, in modo concreto,  che così non funziona, ma dal punto di vista del cliente sono un danno mostruoso perché portano l'azienda nel baratro dell'anonimato nella migliore delle ipotesi o, peggio, portano il cliente finale a farsi un'idea sbagliata e costruire attorno all'azienda stessa un alone di poca professionalità, aspetto reputazionale che sta emergendo con forza negli ultimi mesi. Del resto quando vediamo pubblicità a pagamento che parlano di sito completo a 250 euro, cosa possiamo aspettarci? Come possiamo vedere in offerte troppo basse per fare un sito completo, partner ideali per la nostra crescita aziendale?

Per difendersi da quanti fanno siti internet in modo sommario non è però così difficile, perché

  • non sanno dare prospettiva
  • propongono customizzazioni di piattaforme esistenti
  • ci chiedono di adattarci al sito e non costruiscono niente sulle nostre esigenze
  • non parlano di posizionare
  • non parlano di post produzione
  • chiedono la stesura dei testi o chiedono cifre spropositate per farli (800 euro del sito, 400 euro per una pagina, strano eh?)
  • non hanno storicità
  • tendono a banalizzare ogni cosa

Il punto che ci preme sottolineare, per contestualizzare l'argomento è uno solo: serve innanzitutto capire bene cosa vogliamo dal web e serve capire bene se e come possiamo arrivarci per cui è doveroso trovare aziende che fanno siti internet che siano in grado di andare oltre al sito stesso, senza rendere il tutto troppo facile, dando un minimo di garanzia del lavoro che fanno, e, non da meno, con un costo congruo ma non tanto in valore assoluto, ma considerando il dettaglio e considerando nel preventivo una voce importante, quella strategica post produzione.

Si tratta di salvaguardare l'azienda, si tratta di salvaguardare il lavoro che per anni ha sfamato famiglie e dipendenti e si tratta di avere un senso di rispetto per il lavoro. capire, informarsi, confrontare sono un ottimo sistema per difendersi da quanto fanno siti internet in modo poco serio e poco professionale.

I primi acquisti partono dal web

Non siamo noi a dirlo, ma il confronto con chi ci contatta, con clienti, amici, simpatizzanti. Non sono dati scientifici, anche se abbiamo trovato riferimenti molto vicini, ma chi compera qualcosa inizia dal web, dal cercare il prodotto, chi lo vende a che condizioni; non da meno si cerca cosa pensa la gente, chi l'ha comperato e chi ha già avuto a che fare con un venditore on un altro. Difficile che con la scelta di oggi un cliente entri in un negozio senza avere un preciso ancoraggio, anzi, chi arriva in negozio tante volte è più informato di chi vende il prodotto. Parte dal web la vendita di una qualsiasi cosa e questo almeno per il 70% dei casi.

Il ragionamento vale sia per un acquisto importante, come un auto, una cucina, una moto, sia per un capo di abbigliamento, un telefonino, un piccolo accessorio. Il mercato ci sta mettendo molto in guardia sulle discrepanze di prezzo che lo stesso oggetto può avere, ecco perché il web diviene un solido mezzo, anonimo, di confronto e di recensioni.

Come vogliamo collocare la nostra azienda nel contesto del virtuale?

La scelta strategica è semplice: che presenza nel web vogliamo avere, come vogliamo collocare la nostra azienda? In base alle nostre aspettative scegliamo la strada, il costo da pagare ed il tempo per arrivarci: la cosa importante è capire bene il contesto e fare una scelta ponderata. Tutto il resto è conseguenza, tutto il resto è legato alla scelta qualitativa o meno che facciamo. Di certo una cosa è strana, ci sono troppe aziende che dal web non ottengono risultati e non arrivano per errori di valutazione iniziali, non perché il web non funziona.

I tuttologi, un male per le aziende

Non si voglia fraintendere questo ragionamento, ma un grave problema delle aziende in questi anni sono legate ai tuttologi, persone che hanno sempre una banale risposta in ogni settore, in ogni argomento, purché a fine mese gli si offra un pezzo di pane o magari la pensione tra qualche anno. È uno sfogo? forse si, ma spesso, diamo consulenze a personale non specializzato, che cerca di carpire cose che poi mette in pratica senza senso e senza logica. Ripetiamo spesso questo concetto, non c'è solo amdweb nel mercato, ci sono molte aziende competenti, professionali e serie che portano i clienti nel web in modo corretto, dobbiamo solo scegliere bene e scegliere con criterio, logica e senso di responsabilità. Un esperto marketing interno all'azienda, magari con anni di esperienza, non è detto sia capace nel web e se lo vuole essere a tutti i costi vedrete che non porta a casa nessun risultato; un buon venditore vende, non si occupa di altro. Il web non può essere banalizzato perché troviamo on line 1000 modi per fare un sito senza costi, validi? crediamo di no!; il web è una presenza che ci proietta in un palcoscenico molto ampio e molto vasto ma se lo facciamo nel modo sbagliato, rischiamo solo di banalizzare il lavoro e renderci ridicoli.

Questa pagina è stata inserita nel sistema il: 19/11/2013 08:55:02
L'ultimo aggiornamento: 26/11/2013 08:56:37
Condividi nelle tue pagine Social


Start up tecnico online in 48 ore

In evidenza

Ottimizzazione siti aziendale per rendere il sito uno strumento di lavoro...
leggi..
28/09/2018
Perché il servizio amdweb con yost.technology è così innovativo?
leggi..
16/10/2018
gestione e servizi hosting
leggi..
09/12/2018
amdweb usa e consiglia
yost technology
Yost.tecnology

la piattaforma più evoluta di sempre, per creare e gestire siti internet
yost.technology